Sesso e new york

Donne in “Carrie”ra alla prova maturità

L’emancipazione della donna portata ai massimi livelli, la maturità della figura femminile attraverso l’esplicitazione della sfera sensuale. Se il sesso è una pura e semplice derivazione dell’amore, allora il “colorare” è l’espediente narrativo su cui a New York si giocano doppisensi e scelte di vita. Per analizzare il successo planetario avuto dal serial televisivo Sex and the City dal 1998 al 2004, basta leggere gli incassi che sta ottenendo il film tratto dalla serie omonima. Dunque è necessaria una accurata riflessione sul fenomeno cinematografico legato alla doppia G: Griffes e Grande Amore. Il sesso e la città sono poi complementari alla storia..

Carrie Bradshaw e le sue tre amiche Miranda Hobbes, Charlotte York e Samantha Jones vivono Manhattan(nonostante Samantha si sia trasferita ad LA) con la stessa intensità con cui affrontano le loro relazioni, potenti, surreali e alle volte in maniera frivola. Ovviamente da quattro punti di vista al femminile, punti che ruotano attorno a “fidanzamenti”, rotture, figli e famiglie. Il lato sentimentale? Ovviamente il più gettonato, specialmente se abbinato ai nomi di Louis Vuitton, Prada, Manolo Blahnik e Jimmy Choo. Nient’altro che i coprotagonisti fondamentali del racconto firmato Darren Star, già creatore di Beverly Hills 90210, e basata sul romanzo di Candace Bushnell.

Il matrimonio di Carrie con Mr. Big, invece, è lo spunto per un colpo d’ali della serie dopo sei applaudite stagioni, ciò che ne ha permesso la trasposizione sul grande schermo con effetti dirompenti e gustosissimi. Specialmente chi è “dipendente” dai racconti della voce off di Carrie (l’energica Sarah Jessica Parker) e dalle scorribande delle quattro eterne ragazze, non potrà fare a meno di lasciarsi cullare da quell’immaginario lucente di alta moda, resort messicani e cocktail extrachic. Vita non da tutti, basti pensare all’Italietta di oggi, afflitta da mille problemi che produce una moda di tendenza che praticamente quasi nessuno può ammirarsi indosso. Lo stile televisivo si differenziava notevolmente dal girato cinematografico, ma la regia briosa di Michael Patrick King gioca a favore della pellicola, che sprizza luci, suoni e colori degni di un musical di Broadway. Laddove passione e razionalità nei rapporti con l’altro sesso rendono accattivanti le (dis)avventure delle disinibite protagoniste, l’impietoso scorrer del tempo è così occasione di rinascita. L’alba di una nuova era diventa semplicemente il voltare pagina e risvegliarsi accanto alla persona che si ama, mai così spontaneo da dire soprattutto sconfinati i 40 anni single o addirittura di fronte alle candeline dei 50. Perciò il contorno glamour serve per far tornare il sorriso in mezzo a un mare di sapori agrodolci, battute al vetriolo e corpi nudi. La giungla d’asfalto della città assurge a suggestiva location di etnie che ruotano attorno a loro, donne toste, determinate, che fanno del girl power e della loro amicizia il caposaldo per affrontare la vita. Tralasciando i cliché del mestiere, passeggiare con loro sulla Fifth Avenue, assistere a questa unione di menti durante ogni acceso confronto lessicale o semplicemente osservarle negli occhi mentre si struggono d’amore per il partner di turno appaga lo sguardo. Placa la mente di entrambi i sessi e arricchisce emotivamente lo spettatore che si rispecchia in tale enfatica voglia di esistenza comune. Non si può chiedere nulla di meglio al cinema. Titolo Originale

SEX AND THE CITY: THE MOVIE

Regia Michael Patrick King

Interpreti

Sarah Jessica Parker

Kim Cattrall

Kristin Davis

Cynthia Nixon

Chris Noth

Candice Bergen

Jennifer Hudson

David Eigenberg

Evan Handler

Jason Lewis

Mario Cantone

Durata; h 2.20 USA 2008 genere commedia

About Francesco Buosi 376 Articoli
Onnivoro cinematografico e televisivo, imdb come vangelo e la regia come alta aspirazione.
Contact: Facebook