Gamer, troppa adrenalina

STORDENTE E CONFUSO ACTION D’AUTORE

Realtà virtuale, controllo della mente e simulazione di guerra. Sono tre contenitori sceneggiativi da cui poter attingere senza sosta, incarnano appieno un genere fracassone e psichedelico che associato all’evoluzione digitale del mezzo cinematografico crea proseliti di fan, ma anche grandi detrattori.

Gamer è perfettamente inserito in questo contesto, ipersonico, roboante, dotato di un solo canovaccio sceneggiativo da cui partire e che la (schizzatissima) coppia di registi Neveldine&Taylor lanciano a velocità folle sulla tela del grande schermo.

In un preciso momento tra qualche anno da adesso, Gerard Butler è John “Kable” Tillman, personaggio arrivato alla quart’ultima gara di Slayer, reality game inventato da Michael C.Hall (in arte Dexter), in cui i giocatori-slayers vengono “indossati” cerebralmente da un’internauta casalingo, grazie ad un complicato impianto di manipolazione neurale. Butler combatte per la libertà, essendo detenuto nel braccio della morte, e al 30° round vinto potrebbe ottenere il perdono e quindi riprendere in mano la sua vita.

Semplice metterla in questo modo, molto meno fruirla per un’ora e mezza di pura adrenalina e dialoghi al limite del cinema muto, Gamer è una pellicola dal montaggio sfrenato e logorante, che non porta nulla di nuovo nel panorama cinematografico internazionale, salvo alcune sequenze d’impatto inventivo davvero cult, che emergono tra un raffica di mitragliatori e l’altra.

Lo spettatore colpito da luci, suoni e immagini si aliena sulla poltrona riuscendo poco a decifrare il messaggio adrenalinico (e moralistico) che gli si vuole propinare, rimanendo stordito dalle troppe virate su toni drammatici e a tratti grotesque. Un futuro coloratissimo, splatter e cyberpunk, in cui vivere significa infrangere ogni regola e perdere l’ultimo baluardo di umanità che ci resta: il raziocinio.

Nel caso specifico, a parte qualche godibile momento di gioiosa cattiveria, sui titoli di coda resta poco più che il ronzio nelle orecchie, il bene trionfa, la confusione regna sovrana.

Simone Bracci

About admin 2553 Articoli
CURIOSI DI CINEMA
Contact: Facebook