La strada di viggo mortensen

L’UMANITÀ DI NUOVO ON THE ROAD

Anno dopo anno il mondo comincia il declino, o almeno così lo descrivono nella letteratura, piagato, ruvido, senza speranza. Dopo Non è un paese per vecchi, diretto dai fratelli Coen, un altro celebre romanzo di Cormac McCarthy arriva sul grande schermo: La strada (Premio Pulitzer 2007), la storia che ha avvicinato l’autore americano al grande pubblico.

Un uomo e un bambino viaggiano attraverso le rovine di un mondo ridotto a cenere in direzione dell’oceano, dove forse i raggi raffreddati di un sole ormai livido cederanno un po’ di tepore e qualche barlume di vita. Trascinano con sé sulla strada tutto ciò che nel nuovo equilibrio delle cose ha ancora valore: un carrello del supermercato con quel po’ di cibo che riescono a rimediare, un telo di plastica per ripararsi dalla pioggia gelida e una pistola con cui difendersi dalle bande di predoni che battono le strade decisi a sopravvivere a ogni costo. E poi il bene più prezioso: se stessi e il loro reciproco affetto.

«Ce la caveremo, vero, papà? Sí. Ce la caveremo.

E non ci succederà niente di male. Esatto.

Perché noi portiamo il fuoco. Sí. Perché noi portiamo il fuoco».

About admin 2553 Articoli
CURIOSI DI CINEMA
Contact: Facebook