Mastandrea racconta il belpaese

GIORNATE DEGLI AUTORI PRESSO LA SALA UMBERTO A ROMA

Day by day, i migliori eventi di cinema in giro per l’urbe. Alla Sala Umberto si caratterizza con un focus su “Un borghese piccolo piccolo”, il celebre film realizzato dal regista Mario Monicelli nel 1977 e tratto dall’omonimo romanzo di Vincenzo Cerami, con Alberto Sordi. La scelta di questo titolo diviene così il mezzo per riflettere sul tema della violenza che caratterizza da sempre la nostra società, con toni ora più ora meno cruenti.

Tuttavia, Valerio Mastandrea non mancherà di ripercorrere le tappe e i luoghi della sua formazione professionale, attraverso un excursus sollecitato da Giorgio Gosetti (scrittore, giornalista, Delegato generale delle Giornate degli Autori) e anche dalle curiosità degli studenti.

L’obiettivo di “Cinema&Storia/100+1. Cento film e un Paese, l’Italia”, presentato prima a Venezia durante l’ultima Mostra internazionale d’Arte Cinematografica e poi a Roma al cinema Nuovo Olimpia il 23 novembre scorso, èripercorrere la piccola e la grande storia del Novecento insieme agli studenti degli istituti superiori di Roma e provincia, attraverso il grande cinema italiano.

L’evento di Roma fa seguito agli appuntamenti del 17 marzo al Teatro Traiano di Civitavecchia (con Pierfrancesco Favino, Fabio Ferzetti, ideatore del “Progetto 100+1. Cento film e un Paese, l’Italia”, e Mimmo Calopresti) e del 19 aprile alle Scuderie Aldobrandini di Frascati (con Marco Bellocchio, Filippo Timi e Mimmo Calopresti).

Durante gli incontri, studenti e docenti, grazie alla partecipazione di registi, attori, critici e storici, hanno avuto modo di vivere momenti di riflessione e confronto per approfondire la storia del nostro Paese e rileggere il presente alla luce di un passato fatto d’immagini, storie, sentimenti, personaggi che fanno parte della cultura italiana popolare dal Secondo dopoguerra in poi.

I film selezionati per la prima edizione del Progetto sono: “Napoletani a Milano”, di Eduardo De Filippo (1953); “I magliari”, di Francesco Rosi (1959); “Tutti a casa”, di Luigi Comencini (1960); “La lunga notte del ’43”, di Florestano Vancini (1960); “Io la conoscevo bene”, di Antonio Pietrangeli (1965); “I pugni in tasca”, di Marco Bellocchio (1965); “Un borghese piccolo

piccolo”, di Mario Monicelli (1977).

Questi sette film, individuati nell’ambito di altrettanti moduli tematici e acquisiti grazie al sostegno di Cinecittà Luce, rappresentano il primo segmento di una library per le scuole, dedicata al cinema e destinata a crescere nei

prossimi anni. Ad essi verrà allegato un Dvd di guida alla visione e materiali extra, curato da Giuliana Gamba.

All’incontro del 29 aprile a Roma saranno presenti anche l’Assessore alle politiche della scuola Paola Rita Stella, l’Amministratore delegato di Cinecittà Luce Luciano Sovena e per le “Giornate degli Autori” Fabio Ferzetti.

Ufficio stampa

Provincia di Roma

About admin 2553 Articoli
CURIOSI DI CINEMA
Contact: Facebook