Brad pitt a sostegno dei minatori cileni

IL POPOLARE SEX SYMBOL PRODURRÀ UN FILM SULL’ACCADUTO

L’improvvisa e certamente bizzarra certificazione di celebrità è arrivata il giorno di Halloween quando a New York sono spuntati travestimenti ispirati alla triste, e per fortuna a lieto fine, storia dei minatori cileni. In un clima da grande fratello mediatico, criticato un po’ in ogni parte del mondo, ma non per questo schivato dalla stampa internazionale, il recupero dei 33 minatori intrappolati nel sottosuolo era diventato un evento televisivo da record di ascolti. Subito le voci di un possibile adattamento cinema grafico o televisivo se erano rincorse freneticamente. Ora però arriva la dichiarazione ufficiale dell’avvocato dei 33 sopravvissuti, fornita ad un quotidiano cileno, che la casa di produzione Plan B, di proprietà del divo Brad Pitt, ha avanzato una proposta formale, accompagnata da una cifra cospicua, per aggiudicarsi i diritti cinematografici dell’intera vicenda. L’avvocato ha altresì chiarito che tutti i proventi derivati da tale cessione saranno destinati ad una holding che gestendo affari di tale genere, si interesserà a ripartire tutti gli introiti tra i minatori salvati. Pitt ed è cosa nota ai più, da tempo si spende per case umanitarie, tant’è che dopo aver partecipato attivamente alla ricostruzione di New Horleans, era stato proposto dagli stessi cittadini come candidato sindaco. Pur apprezzando un tal gesto, che servirà ad aiutare persone che hanno vissuto giorni di vero malessere, rimane ugualmente qualche perplessità sulla effettiva necessità di raccontare per immagini quei giorni di stenti e sofferenza che forse gli stessi minatori vorrebbero solo dimenticare.

About Francesco Buosi 376 Articoli
Onnivoro cinematografico e televisivo, imdb come vangelo e la regia come alta aspirazione.
Contact: Facebook