Biutiful: recensione

GRANDE PROVA DI BARDEM ALLE PRESE CON UNO SPORCO LAVORO

Alejandro González Iñárritu torna dietro la macchina da presa con l’intenzione di realizzare un film di matrice ispanica. Per questo motivo il regista ha abbandonato Hollywood e ambientato il suo film a Barcellona in Spagna, pur trascinandosi dalle colline dorate di Los Angeles uno dei più bravi attori sulla piazza: Javier Bardem. Il risultato finale di questo grande duo è BIUTIFUL, uno schiaffo in pieno viso, che fa riflettere anche lo spettatore più cinico, almeno in qualche sequenza del film.

Con un tono delicato e che punta a coinvolgere lo spettatore, Biutiful segue le vicende di Uxbal, un uomo con due figli intrallazzato in traffici poco leciti, nel momento in cui scopre di avere un cancro allo stadio terminale. Seguiamo insomma il cammino di un uomo che deve cercare di prepararsi al meglio al grande passo, cercando di garantire un futuro alla sua famiglia. A dirla tutta, dalla sinossi, ci si aspetterebbe uno di quei film in cui la mano non si stacca dagli occhi per asciugare i lacrimoni: non è così! Certo, ci sono parti intense e terribilmente commoventi, ma nelle oltre due ore di pellicola, Iñárritu lascia ampio spazio anche all’azione, inevitabile quando si vuole trattare un tema come quello dell’immigrazione clandestina. Infatti oltre alla morte e alla malattia, in Biutiful la realtà è affrontata dalla parte delle classi più basse, in uno stile di regia genuino e senza troppi fronzoli. Non siamo nell’alta borghesia. Ci muoviamo tra vicoli stretti e case fatiscenti, con una visione della periferia della città per quello che è: un luogo inospitale, cupo e degradato.

Nonostante però queste premesse, BIUTIFUL perde la sua intrinseca drammaticità della vicenda personale a causa di una ricerca quasi spasmodica ed a volte inutile di voler a tutti i costi spostare l’attenzione sulla miriade di sub-plot (troppi!). Alcuni assolutamente superflui ed affrontati inevitabilmente in modo troppo frettoloso. Certo, questa abitudine alla pluralità di personaggi e vicende per Iñárritu non è altro che uno strascico che si porterà per sempre dietro dopo i lavori con Arriaga. Del resto ben guardare anche in Biutiful le storie si intrecciano. Nonostante un’unica storia principale, è come se il personaggio di Bardem fosse al centro di una rotonda dalla quale partono infinite strade, che lui deve percorrere una per una, altrimenti non si può giungere ad una conclusione. Questo purtroppo è un danno per il film che annoierà gli spettatori meno attenti ed appassionati.

Certo la perfezione stilistica della regia, delle inquadrature, della fotografia fanno sì che si possa perdonare al regista messicano queste pecche a livello di sceneggiatura e qualche volo pindarico in situazioni che non sono assolutamente realistiche (come si fa a credere che la polizia spagnola compia un blitz nei confronti dei venditori senegalesi in pieno giorno e in pieno centro in una città caotica come Barcellona?)

Meritata la Palma d’Oro come Miglior Attore a Cannes, affianco al nostro Elio Germano, per Bardem, un dio della recitazione. Lui da solo è un buon motivo per recarsi al cinema il 4 febbraio 2011 per andare a vedere Biutiful.

A cura di Davide Monastra

About admin 2553 Articoli
CURIOSI DI CINEMA
Contact: Facebook