Il piccolo principe presto in tv

IL LIBRO CULTO PER INTERE GENERAZIONI SI TRASFORMA IN CARTOON

Ci sono voluti tre anni di lavorazione, ma alla fine il tra guardo è stato raggiunto e per il pubblico italiano la data da segnare sul calendario è quella del 6 gennaio. Nel tradizionale giorno legato ai festeggiamenti dell’Epifania Rai 3 trasmetterà in prima visione il cartone animato, in tecnologia 3d, del Piccolo Principe. Il personaggio creato dalla fantasia e dalla penna di Antoine de Saint-Exupéry, debutta con un episodio di 50 minuti, in attesa di essere poi trasmesso nel prossimo autunno in una vera a e propria saga a puntate ( si parla di altri 52 episodi di mezz’ora). Il progetto, sicuramente ambizioso, ha visto la luce grazie all’accordo raggiunto tra gli eredi dello scrittore e la casa di produzione francese Method Animation. Un prodotto ghiotto su cui ha deciso di puntare in qualità di distributore della versione home video anche la Sony Pictures. Progetto made in Francia dunque, ma che verrà venduto alle principali emittenti europee, Rai inclusa. Prima di far trasalire tutti gli amanti di questa favola che ha rappresentato e rappresenta una pietra miliare nella letturatura d’infanzia e non solo, bisogna precisare che non si si tratta di una trasposizione cinematografica tout court, ma di una storia che muove dalle pagine del libro per raccontare nuove avventure. Dicevamo di una lavorazione complessa durata anni ed i numeri sono li a confermarlo: 720 scenografie, 18200 pagine di storyboard. “E’ stato per me un sogno segreto quello di dare una nuova eternità a questo ometto unico al mondo nato nel 1943, di trasmetterlo alle generazioni future entrando nel nuovo universo dei bambini del XXI secolo”, ha dichiarato Oliver d’Agay, pronipote dell’autore del romanzo d’Antoine de Saint-Exupéry. Vedremo nei prossimi mesi se i lettori di tutto il mondo si appassioneranno anche a questa nuova esperienza non più cartacea, ma tridimensionale.

About Francesco Buosi 376 Articoli
Onnivoro cinematografico e televisivo, imdb come vangelo e la regia come alta aspirazione.
Contact: Facebook