La banda dei babbi natale: recensione

IL TRIO COMICO A+A&G TENTA IL COLPACCIO IN SALA

Non c’è la parolaccia del cinepanettone, ma neanche la battuta del cinema d’autore, La banda dei babbi natali è una commedia, non delle più comiche nelle quali abbiamo visto all’opera Aldo Giovanni e Giacomo, ma sicuramente simpatica e una valida alternativa al solito film natalizio dove si possono portare i propri figli senza avere paura che usciti dalla sala il loro vocabolario risulti arricchito negativamente.

La storia è quella di tre amici molto differenti tra loro ma con una passione comune, le bocce, e un torneo che non riescono a vincere da anni arrivando sempre al secondo posto. Il tutto inizia con i tre amici vestiti da babbi natali che cercano di entrare in un appartamento, scoperti vengono condotti in commissariato dove trovano il commissario Angela Finocchiaro, alla quale rovineranno tutti i piani per la preparazione della vigilia di Natale con le loro “premesse” grazie alle quali tenteranno di spiegare il perchè erano appesi a quel muro e cercare di dimostrare la loro innocenza.

Intorno ai protagonisti un universo di personaggi composto da fidanzate e aspiranti fidanzate, figli, suoceri e animali mogli defunte, vive e amanti.

E’ un film che vuole far divertire senza troppe pretese e riesce nel suo intento di proporsi nel panorama cinematografico italiano natalizio; a voi l’ardua sentenza e fateci sapere chi far vincere: cinenepanettone o cinepandoro?

A cura di Francesca Vennarucci

About admin 2553 Articoli
CURIOSI DI CINEMA
Contact: Facebook