La leggenda di rasputin

SCELTO IL FRANCESE LETERRIER PER GIRARE LA STORIA DEL FAMOSO OCCULTISTA

Qualcosa si sta smuovendo, facendo breccia nell’impenetrabile mondo della dramedy italiana, settore in cui i due generi sono indistinguibili tra un riso e una lacrima. Il regista Louis Nero sta per lanciare un film controverso, prodotto dalla società indipendente L’Altrofilm, un viaggio nell’oscura storia della Russia di fine secolo: “Rasputin”. Le rarefatte atmosfere dell’antica San Pietrogrado, nome antico di San Pietroburgo, sono infatt state ricostruite tra la città russa, Torino e la sua provincia. Quindi una ricostruzione europea per una storia da sempre molto misteriosa, a interpretare il famoso occultista Rasputin è Francesco Cabras (“La Passione di Cristo”) e con lui nel cast Daniele Savoca e Franco Nero, narratore della vicenda.

Il 19 dicembre 1916, l’ultimo dicembre dell’Impero Romanov, un complotto contro l’uomo più misterioso della Russia si stava attuando ad opera di alcuni tra i più noti ed influenti personaggi della corte. Attraverso la narrazione storica si affronta il mistero della vita e della morte del “Santo-Demonio”: Grigorij Efimovič Rasputin. In un complesso e articolato percorso, avvalendosi di rari documenti, la figura di Rasputin riemerge dalle accuse di occultismo per essere rivalutata e per confrontare il suo percorso personale al martirio di Cristo. Rasputin, uno dei personaggi più enigmatici e controversi del XX secolo, è il contadino divenuto consigliere dell’ultimo Zar Nicola II di Russia, che, nonostante avesse salvato con le sue facoltà da guaritore l’emofiliaco erede al trono Aleksej, pagò con la vita l’amore verso il potere di coloro che gli erano a fianco. La paura della superstizione, tutto concentrato in una storia di cinema caldamente consigliata, a scatola chiusa.

Diventa fan di Film 4 Life su Facebook

About Francesco Buosi 376 Articoli
Onnivoro cinematografico e televisivo, imdb come vangelo e la regia come alta aspirazione.
Contact: Facebook