Whip it – recensione in anteprima

L’ESORDIO ALLA REGIA DI DREW BARRYMORE, MIGLIORE DELLE SUE ULTIME INTERPRETAZIONI

Drew Barrymore, l’ex- bambina prodigio di ET e interprete di mediocri commedie romantiche, ha fatto anche lei il grande salto, passando alla regia per questo divertente ritratto generazionale, uscito da noi – purtroppo – direttamente in DVD.

La star del film è Ellen Page, che dopo “Juno” incarna ancora l’adolescente nerd spaesata dalla lingua lunga, solo che qui il contesto è leggermente diverso. La giovane Bliss ha un rapporto abbastanza conflittuale con la madre che la vuole elegante e ‘perfettina’ come una reginetta da ballo. La ragazza è introversa, ma è decisa a tirare fuori un animo ribelle e anticonformista che la trascini fuori dalla propria noiosa routine; l’occasione arriva quando viene scelta come membro di una squadra di pattinatrici combattive e sopra le righe in un gioco che sembra violento, quanto un rugby al femminile: il ‘roller derby’.

L’esordio della Barrymore dietro la macchina da presa è abbastanza riuscito, anche se non fa dell’originalità un suo punto di forza. C’è ad ogni modo un’empatia con i protagonisti che negli ultimi film interpretati dall’ex Charlie’s angel era totalmente assente: qualcuno a questo proposito ricorda gli orribili “Amore a mille miglia” e “La verità è che non gli piaci abbastanza”? Forse come per Ben Affleck, abbiamo un altro caso di attrice mediocre che se la cava meglio come regista.

“Whip It” è una commedia tipicamente anni ’80 in cui lo sport passa in secondo piano e conta di più l’evoluzione del personaggio principale, ben caratterizzato da una sempre brava Ellen Page, che solo in parte ripropone quanto visto in “Juno”. Nel cast oltre la stessa Barrymore – in una parte marginale – compaiono anche il premio Oscar Marcia Gay Haden e Daniel Stern (il complice di Joe Pesci in “Mamma ho perso l’aereo”) nel ruolo dei due genitori, ma è nel reparto delle pattinatrici che troviamo delle vere sorprese: come sempre è grande Juliette Lewis nel ruolo della ‘villain’ ma è Kristen Wiig la rivelazione del film, talento comico noto negli USA per le frequenti apparizioni al “Saturday Night Live” e che vedremo prossimamente nell’atteso film di fantascienza “Paul”. Notevole anche Andrew Wilson nel ruolo dell’allenatore: la sua faccia ricorda quella di Seann William Scott, lo Stifler di “American Pie”, ma lo sguardo è più intelligente.

Bella anche la colonna sonora che alterna classici del punk (i Ramones) e trascinanti brani dell’ indie-rock contemporaneo (i Raveonettes e le Breeders, tra i vari).

About  Gianlorenzo Lombardi 368 Articoli
Creativo e pieno di immaginazione (ma questo dovrebbero dirlo gli altri), scrive a tutto spiano in attesa del salto dietro la macchina da presa...
Contact: Facebook