5 curiositÀ su "una notte da leoni 2"

IL BRANCO RITORNA IN UN’AVVENTURA ORIENTALE QUANTO SURREALE

In attesa dell’uscita del secondo capitolo di un’annunciata trilogia sulle super sbornie d’autore, vi sveliamo alcune piccole curiosità di produzione sul film di Todd Phillips.

Phil (Bradley Cooper), Stu (Ed Helms), Alan (Zach Galifianakis) e Doug (Justin Bartha) viaggiano verso l’esotica Thailandia per il matrimonio di Stu. Con ancora il ricordo fresco della disastrosa festa di addio al celibato di Doug a Las Vegas, Stu non vuole correre alcun rischio. Ma le cose non sempre vanno come vogliamo. Due notti prima del grande giorno, in un fantastico resort della Thailandia, Stu si lascia andare. Una birra per uno. In bottiglie sigillate. Che potrà mai succedere?…

1. Phillips ha diretto questo film tratto da una sceneggiatura che il regista ha scritto insieme a Craig Mazin & Scot Armstrong. Phillips è anche produttore del film, con il suo marchio Green Hat Films, insieme a Dan Goldberg.

2. Questa amicizia sullo schermo riflette l’atmosfera cameratesca che si era sviluppata al di fuori del film tra gli attori, i cineasti e la troupe, e che ha contribuito al desiderio di voler continuare la storia da parte di tutti coloro che vi erano coinvolti sin dall’inizio.

3. Durante il loro folle viaggio attraverso Bangkok, i ragazzi incontrano anche alcuni personaggi bizzarri tra cui oriundi attempati, trafficanti di droga russi, malavitosi e persino un monaco buddista. Un personaggio non proprio in stile Zen è Kingsley, enigmatica figura del mondo del crimine, interpretato da Paul Giamatti.

4. Una volta finito di girare a Burbank, il cast e la troupe si sono spostati in Thailandia, dove due città hanno fatto da sfondo all’avventura: Bangkok, dove i ragazzi entrano nel panico mentre cercano Teddy e tentano di ricostruire e capire cosa sia successo e, all’altra estremità, la zona del resort di Krabi, dove si terrà il matrimonio, che è l’incarnazione del lusso.

5. Le riprese di “Una notte da leoni 2” sarebbero state incomplete senza il materiale fotografico del post copione che è servito anche per definire il primo film. Anche il montaggio del materiale fotografico ha creato una sana competizione tra i cineasti, gli attori e la troupe, e tutti hanno cercato di superarsi a vicenda con idee e proposte sempre più stravaganti.

Diventa fan di Film 4 Life su Facebook

About admin 2553 Articoli
CURIOSI DI CINEMA
Contact: Facebook