Festival, festival delle mie brame

IN PARTENZA ALCUNI MINI KERMESSE CHE COMPETONO TRA I BIG

Se fate il giornalista di cinema o il critico come mestiere non potrete perdervi la nuova annata dedicata alle rassegne che di cinema vivono e che ne indagano la materia. Ad ottobre ne abbiamo rintracciate tre a cui è interessante partecipare anche solo come pubblico. Perchè la passione è sempre viva…anche quando rientra mestamente dalle vacanze! Ecco il rimedio per tornare in cine-carreggiata:

CAPALBIO CINEMA

Capalbio (Grosseto), 6 – 9 ottobre 2011

Diciottesima edizione di CAPALBIO CINEMA INTERNATIONAL SHORT FILM FESTIVAL – prestigiosa vetrina Internazionale dedicata al cortometraggio, nata nel 1994, con padrino d’eccezione il regista Michelangelo Antonioni che scelse la famosa piazzetta della località toscana per le proiezioni e che promuove il cortometraggio d’autore italiano e internazionale. Col il suo motto Siate brevi il festival – diretto da Tommaso Mottola – ha fatto di Capalbio la capitale del corto e della brevità. Il programma di questa edizione prevede un focus speciale, #arab#film#revolution, sulla Primavera Araba – movimento di massa che ha rotto i confini, portando avanti la rabbia, l’energia e la speranza di una nuova generazione alla ribalta internazionale – vista attraverso il ruolo di un social network come Twitter. Quindi, A World of Maps, incontri con il grande cinema mentre tutto cambia, ma anche Mind the Map, sezione di Video Arte e frontiere, la sezione Russian roads, che presenta film e foto dal Vladivostok Film Fest e un omaggio al regista cileno Raoul Ruiz, recentemente scomparso, nella sezione L’Isola di Ruiz.

www.capalbiocinema.com

ASIATICAFILMMEDIALE

Roma, 12 – 22 ottobre 2011

Asiatica, incontri con il cinema asiatico, il festival diretto da Italo Spinelli, giunge alla dodicesima edizione e si terrà negli spazi del Macro La Pelanda, il Museo d’Arte Contemporanea di Roma. Il rinnovato impegno a promuovere la diffusione del cinema asiatico e a fornire spazi e momenti di scambio tra l’Asia e l’Europa porta a presentare oltre cinquanta i titoli presentati quest’anno, quasi tutti in anteprima italiana o mondiale, tra cortometraggi, lungometraggi e documentari, provenienti da paesi asiatici come Azerbaijan, Cambogia, Cina, Corea del Sud, Filippine, Giappone, Hong Kong, India, Indonesia, Iran, Kazakistan, Kirghizistan, Mongolia, Sri Lanka, Taiwan, Thailandia, Turchia, Vietnam. Molti registi, scrittori e personalità del mondo cinematografico e letterario asiatico ospiti del Festival, che proporranno, attraverso il linguaggio cinematografico e non solo, uno sguardo sulla realtà e sulla complessità del rapporto tra Oriente e Occidente. Il Festival si apre con Nader and Simin, A Separation, il nuovo film del regista iraniano Asghar Farhadi, vincitore dell’Orso d’Oro del Festival di Berlino 2011. Particolare rilievo sarà dato all’India e film di chiusura sarà Autumn, di Aamir Bashir, che offre uno sguardo attento e profondo sul Kashmir, devastato da vent’anni di violenti conflitti.

www.asiaticafilmmediale.it

FESTIVAL DEL FILM ITALIANO DI VILLERUPT

Villerupt (Francia), 28 ottobre – 13 novembre 2011

Sarà la città di Napoli e la sua rappresentazione nel cinema il focus principale – dal titolo Vedi Napoli e poi ridi ( ?) – della 34a edizione del Festival del Film Italiano di Villerupt. Dal 1976, in questa cittadina operaia dell’est della Francia, alla frontiera con Belgio e Lussemburgo, il cinema italiano è protagonista, con la presentazione di oltre sessanta film tra novità della stagione e pellicole indipendenti, in versione originale con sottotitoli per un pubblico sempre più numeroso – 46mila presenze nel 2010 – proveniente da Francia, Belgio, Lussemburgo e Germania. “Figli e nipoti di emigranti italiani – sottolinea Oreste Sacchelli il direttore artistico – numerosi nella zona, giovani italiani espatriati, spettatori cinéphiles di qualsiasi origine, grazie al Festival mantengono vivo il contatto con il cinema italiano che viene spesso poco esportato”. Saranno presenti, tra gli altri, il regista Massimiliano Bruno per presentare Nessuno mi può giudicare e Giuseppe Gagliardi, regista di Tatanka, film tratto da un racconto di Roberto Saviano.

www.festival-villerupt.com

About admin 2553 Articoli
CURIOSI DI CINEMA
Contact: Facebook