Torino film fest: appuntamenti di classe

CONTINUA LA MARATONA DEDICATA AD ANTEPRIME E RETROSPETTIVE

Le Vendeur di Sébastien Pilote, interpretato da un eccezionale Gilbert Sicotte che accompagna il film a Torino, è la commovente storia di Michael, vedovo vicino alla pensione che vende auto costretto a confrontarsi con la crisi economica che incombe. Di tutt’altro registro l’adrenalico Attack the Block di Joe Cornish, film di azione e avventura dove una gang di teenagers si ritrova ad affrontare l’invasione di mostri alieni nascosti in un palazzo, diventando così degli eroi.

Paesaggio con figure – Per la competizione documentari internazionali in programma The Color of Pain di Lee Kang-Hyun, sorprendente lavoro sulle forme di controllo dell’impatto disastroso dei processi produttivi su donne e uomini, candidato al premio Cipputi. Si prosegue con The Ballad of Genesis and Lady Jaye di Marie Losier, ritratto intimo di due vite che l’amore e l’arte hanno trasformato radicalmente: Genesis P-Orridge, figura culto della musica underground, fondatore dei Throbbing Gristle e Lady Jaye sua compagna e collaboratrice.

Da segnalare l’attesa proiezione dell’ultimo lavoro di Woody Allen Midnight in Paris e la commovente storia di formazione in The Dynamiter dell’americano Matthew Gordon, presente in sala. Prosegue il concorso L’Orogenesi di Caldwell Lever, viaggio immaginario lungo le Alpi e l’Appennino, dalla creazione divina al Medioevo, narrato da Giorgio Albertazzi. Molto atteso è [S]Comparse di Antonio Tibaldi girato durante la lavorazione di “Terraferma”, il film di Emanuele Crialese premiato a Venezia e candidato all’Oscar per l’Italia.

Per il fuori concorso: in Inconscio Italiano di Luca Guadagnino, studiosi quali Del Boca e Dominijanni partono dall’esperienza coloniale italiana in Etiopia per riportare alla luce il rimosso fascista che ancora influenza l’Italia. Saranno presenti la sceneggiatrice Giuppy D’Aura e il montatore Fernando Cito Filomarino.

La sezione propone due giovani autori. Nel pomeriggio si segnala Record Future, esordio nella regia dell’attore giapponese Kentaro Kishi (tra i volti del parco attori della folleggiante casa di produzione Sushi Typhoon): una sorta di horror gotico senza brividi, ambientato in una scuola che è stata testimone del gesto disperato di un allievo. L’autore accompagna a Torino il film, assieme all’interprete Satoshi Kamimura e al produttore Tetsuya Shimizu. Dagli Stati Uniti proviene invece Brandon Cahoon (già al festival nel 2008 con Parde), che porta a Torino la sua opera seconda, Intro, un ritratto musicale dai margini dell’America contemporanea di cui è protagonista David Williams, un folk singer dello Utah, che il regista segue nel suo girovagare di bar in bar, di concerto in concerto.

About Collaboratori Esterni 377 Articoli
Le migliori rubriche scritte dai nostri collaboratori