This must be the place: slitta l’uscita usa

RINVIATA IN AMERICA IL DEBUTTO DEL FILM DI PAOLO SORRENTINO

Come ogni tanto capita da noi, stavolta è l’America a dover fare i conti con date intasate dalla distribuzione. Ma siamo noi a farne le spese, infatti, slitta a marzo l’uscita americana del film “This Must Be the Place” di Paolo Sorrentino. Purtroppo, a causa di questa decisione dei distributori americani, il film del regista campano non potrà essere candidato agli Oscar, che si svolgeranno il 26 febbraio 2012.

La notizia è stata confermata dal produttore Nicola Giuliano della Indigo Film che ha sottolineato che comunque il sogno di vincere l’Academy Awards è solo rinviato: “In realtà non sfuma nulla semplicemente il film di Sorrentino concorrerà l’anno prossimo. Purtroppo abbiamo chiuso troppo tardi l’accordo per la distribuzione con la Weinstein Company puntavamo comunque a un’uscita tecnica per essere candidabili, ma Harvey Weinstein ci ha fatto capire che le sue campagne, estremamente accurate, hanno bisogno di molto tempo. E per quest’anno non ci sono i tempi per fare un’operazione con buone possibilità. Oltre tutto  Weinstein ha altri due titoli forti per gli Oscar, My Week with Marilyn e The Artist, sui quali sta lavorando da tempo, ma ha un rapporto privilegiato con Sean Penn e ha tutto l’interesse a fare un grande lavoro sul nostro film. È una persona di grandissima esperienza: tra l’altro, ci ha mostrato l’elenco dei film usciti in passato nei primi mesi dell’anno e che poi hanno partecipato agli Oscar l’anno dopo senza problemi. L’importante è avere le nostre chance. Per gli Usa, quando uscirà, sarà un film nuovo a tutti gli effetti”.

Pare inoltre che la Weinstein starebbe pensando di realizzare una nuova versione del film, montando nuovamente la pellicola per adattare le riprese al mercato americano. Pare infatti che il ritardo nella distribuzione del film negli Stati Uniti d’America sia dovuto proprio a questo desiderio della Weinstein di mettere mano al film e modificarlo. Da quello che però si sa, né Paolo Sorrentino né la produzione hanno dato il via libera al distributore americano per modificare la pellicola. Certo sfuma per l’Italia, almeno per quest’anno, il sogno di vedere un regista del Bel Paese concorrere per la statuetta. Il tutto è rinviato al 2013, quando dovrebbe essere certa la partecipazione di “This Must Be the Place” nelle varie cinquine degli Academy Awards. E con buone chances questa volta. 

About Francesco Buosi 376 Articoli
Onnivoro cinematografico e televisivo, imdb come vangelo e la regia come alta aspirazione.
Contact: Facebook