Amarcord: west world – il mondo dei robot

PRECURSORE DELLA FANTASCIENZA MODERNA, UN GRANDE FILM DI MICHAEL CRICHTON

Nel 1984 James Cameron ha terrorizzato più di un’intera generazione grazie al suo Terminator, un robot freddo, crudele e inarrestabile. Ma undici anni prima lo scrittore Michael Crichton, l’ autore di “Jurassic Parck” scomparso nel 2008 , scrisse e diresse “Westworld”, un western fantascientifico molto angosciante e di grande impatto visivo.

Un futuristico parco di divertimenti simula tre momenti storici differenti: il selvaggio West, l’antica Roma e il Medioevo. Robot umanoidi popolano questi mondi nei quali si può vivere un esperienza unica e molto realistica, interagendo con qualunque cosa, persona o androide. Per un malfunzionamento del computer che controlla i droidi, questi ultimi cominciano a massacrare gli avventori del parco.

Due amici, James Brolin e Richard Benjamin, se la dovranno vedere niente di meno che con Yul Brynner nei panni di Gunslinger, un “Terminator versione FarWest”. È un mix perfetto di generi che non delude mai. La tensione cresce minuto dopo minuto. Brynner è di ghiaccio. Ed è perfetto in questo ruolo.

Assolutamente da non perdere perché considerato precursore di un filone fantascientifico molto sfruttato ed apprezzato. 

Qualche curiosità:

–         Yul Brynner indossa lo stesso costume usato ne “I magnifici sette” per rendere omaggio a quella splendida pellicola e al suo personaggio.

–         La visuale soggettiva (“pixelata”) di Gunslinger è una tra i primi effetti digitali usati in un film.

–         A Michael Crichton venne l’ispirazione per il film dopo aver visitato a Disneyland l’attrazione, con pupazzi robotizzati, “Pirates of the Caribbean”.

–         Per simulare la corrosione del viso, spruzzato di acido, di Gunslinger fu applicato del make-up a base di olio e Alka-Seltzer.

About admin 2553 Articoli
CURIOSI DI CINEMA
Contact: Facebook