Il magico natale di rupert: retro-recensione e scheda del film

UNA FAVOLA NATALIZIA MAGICA E STRAMPALATA FIRMATA FLAVIO MORETTI

Il catalogo di Distribuzione Indipendente si dimostra sempre più variegato e sorprendente, tornando a stupirci con un prodotto che spazia nel mondo dell’immagine audiovisiva proponendo cinema, fumetto, animazione e televisione, tutto concentrato ne “Il magico Natale di Rupert”.

L’illustre voce di Carlo Valli (celeberrimo doppiatore italiano di Robin Williams) racconta la favola del “piccolo” Rupert che ogni anno viene lasciato dai genitori a casa della nonna Porfilia per la settimana di Natale. Frugando in soffitta, il ragazzino trova le invenzioni dello strambo dottor Rufus, uno scienziato cui la nonna aveva affittato il locale tempo addietro, scomparso in circostanze misteriose.

Tra le tante cianfrusaglie, Rupert trova un paio di occhiali “super 3D”, che gli permettono di dar vita alle scene dei fumetti che guarda attraverso le loro lenti, e una sfera caricata di elettricità che sembra non avere nessuna utilità…Una regia semplice, che non si perde in movimenti rocamboleschi e che ha diversi caratteri del genere horror anni ’70 e dell’animazione: molte inquadrature non sono di stampo cinematografico, bensì tipiche della migliore animazione statunitense. La fotografia soffusa e avvolgente contribuisce, insieme alla musica natalizia e a tratti surreale, a creare un’atmosfera fiabesca e fantastica. Pietro Sciortino sfoggia colori che vengono dritti dritti dalle pellicole anni ’70; ma non è l’unico dato che ci riporta indietro di 40 anni: si potrebbe dire, senza esagerare, che sembra di assistere ad un film girato negli anni ’70.

Una storia senza tempo, come narra la voce narrante, ambientata a Fraterna City, in cui tutto sembra provenire dagli anni ’50 e ’60: arredamenti, automobili, abbigliamento, elettrodomestici… Flavio Moretti e lo scenografo Giuseppe Garau creano una cittadina tipicamente europea, ma che è impossibile definire con precisione: potrebbe essere Parigi, Londra o una qualche cittadina italiana non troppo estesa; uno spazio e un tempo non delineati, fantastici e fiabeschi in cui lo spettatore si sente piacevolmente immerso.

Tutto è irreale, i personaggi sembrano arrivare da un film d’animazione, il tono è ironico ed estremamente divertente.vNon mancano citazioni cinematografiche e riferimenti generali all’immagine: non solo un filmetto diverte insomma, ma un prodotto di qualità (nonostante sia low budget) anche dal punto di vista dei contenuti.

Inserti animati, effetti speciali “artigianali” e digitali, si uniscono al normale girato creando un film per cui il tentativo di dare una definizione si rivela completamente inutile: fantascienza, commedia, fantasia, horror, animazione… Un mix decisamente vincente.  

Uscita Cine Club e
Cinecircoli in 12 regioni italiane: 19 dicembre 2011

Regia: Flavio Moretti
Fotografia: Pietro Sciortino
Sceneggiatura: Flavio Moretti
Attori: Gianmaria Corolla, Piera Cravignani, Clara Droetto, Renato Liprandi
Montaggio: Ilaria Fraioli
Musiche: Andrea Tosi
Effetti speciali: Michele Guashino, Massimo Sponza
Disegni animati e Illustrazioni: Giorgio Lusso
Produzione: Unistudio e Orione Cinematografica
Distribuzione: Distribuzione IndipendenteDurata: 85’
Paese: Italia 2003
Genere: Fantastico
Formato: colore, digitale, animazione, 3D

About admin 2553 Articoli
CURIOSI DI CINEMA
Contact: Facebook