My name is bruce: mister campbell alla riscossa

L’ATTORE FETICCIO DI SAM RAIMI SI ERA MESSO ALLA PROVA IN CABINA DI REGIA

Se siete dei veri “curiosi di cinema” e se la vostra “vena nerd” ha raggiunto dimensioni notevoli e imbarazzanti (come quella del sottoscritto), allora non potete perdervi questo film. Prima di cominciare sappiate che non è un capolavoro e la ragione per la quale non sia stato distribuito nel nostro paese vi apparirà molto chiara una volta giunti al termine.

Però è un esperimento, un azzardo. Un film borderline. Diretto da Bruce Campbell nel 2007, questa volta senza coinvolgere l’amico storico Sam Raimi, vede l’attore coinvolto in un’avventura sovrannaturale che fa il verso ai moltissimi personaggi da lui interpretati. La trama è molto semplice e lineare: due ragazzini risvegliano inavvertitamente un demone cinese che miete vittime senza sosta tra teste mozzate e arti sanguinolenti nel più classico stile splatter a basso costo. Per fermarlo i due studenti hanno bisogno di aiuto: e chi potrebbe darglielo se non il loro eroe… Bruce Campbell? 

Campbell interpreta la caricatura di se stesso: è un attore di serie Z, alcolizzato, viscido con le donne, maleducato con i fan. Un fallito. Satura di battute dissacranti, politically incorrect e omofobe, la pellicola non punta né sulla trama né sugli effetti speciali ma soltanto su una miriade di citazioni, rimandi e parodie dei film che hanno fatto la storia e la, troppe volte altalenante, carriera di uno degli attori più sottovalutati e peggio sfruttati del cinema.

Volenti o nolenti dobbiamo ammettere che Bruce Campbell, con più di cento pellicole nel suo curriculum, ha contribuito non poco ad ampliare il grande puzzle della storia del cinema. Tra cult movies, come la trilogia de “La Casa”, piccole chicche come lo splendido “Bubba Ho-tep” (vedi recensione F4L), esperimenti decisamente poco commerciali, innumerevoli cameo e grandi fallimenti al botteghino, speriamo vivamente che, molto presto, il Sig. Campbell riesca a rilanciare la propria carriera e a occupare il posto che si merita tra le stars.

Potrei forse provare ad aiutarlo con una formula magica. Klaatu Barada N… Necktie… Neckturn… Nickel…non era qualcosa con la “N”? … vabbè lasciamo stare.

About admin 2553 Articoli
CURIOSI DI CINEMA
Contact: Facebook