27 torino glbt film festival: terzo giorno

OGGI L’EVENTO “MATTHEW BOURNE’S SWAN LAKE 3D” E “KEEP THE LIGHTS ON” E “SKONHEID”

Il 27 Torino GLBT Film Festival entra nel vivo. Oggi sabato 21 aprile è in programma uno degli eventi più attesi della manifestazione. Infatti nella sezione Cinemascope sarà presentato “Matthew Bourne’s Swan Lake 3D” di Ross McGibbon alle 18:00 al Cinema Massimo. In sala sarà presente anche il coreografo che ha reso possibile questa nuova versione de “Il lago dei cigni” per il grande schermo, ovvero Matthew Bourne. Il film arriva a Torino per la premiere europea e come particolarità ha quella di essere interpretato esclusivamente da un cast maschile. Lo spettacolo teatale, riproposto al cinema in 3D, ha suscitato clamore e polemiche ma anche un successo strepitoso, incoronandolo come il balletto moderno più a lungo rappresentato a Broadway.

Per quanto riguarda la selezione ufficiale e i film in concorso, oggi saranno proiettati “Keep the Lights On” di Ira Sachs e “Skoonheid (Beauty)” di Oliver Hermanus. Il primo racconta l’avventura di una notte tra Erik e Paul, nella magica notte di New York. Quella che doveva essere una storia di sesso però si trasforma presto in qualcosa di più forte, ma anche di incerto, segnata dalle intemperanze caratteriali dei due, dalle loro ossessioni, dalla dipendenza dalla droga. Sarà presente in sala uno degli attori protagonisti: Zachary Booth Dorff (attore/actor). “Skoonheid” è invece il film che il Sud Africa ha deciso di mandare agli Oscar 2012, anche se poi la pellicola è stata scartata dalla cinquina dei film finalisti. L’opera racconta come possa cambiare in un attimo la vita di un uomo. François, 40enne sudafricano, benestante e omofobo all’apparenza, si innamora perdutamente di Christian, giovane e attraente. Il film è inquietante, dato che racconta di come un uomo per amore possa andare alla deriva.

Tra gli eventi di oggi c’è da segnalare il film “Otra pelicula de amor” di Edwin Oyarce presentata nella sezione “Binari Lungometraggi” e che concorre al “Queer Award”. Per la sezione “Vintage” invece sarà proiettato un film del 1985: “A Strange Love Affair” di Eric De Kuyper, Paul Verstaten. Oggi comincia anche il focus “Forever Young, gli amori immaginari”, che presenta ben tre cortometraggi: “Utopies (Utopia)” di Manfred Rott, che racconta la storia di due adolescenti che si conoscono in chat e che fanno sesso per sfuggire alla noia e ai bulli di quartiere; “Where the Boys Are” di Bertrand Bonello, che racconta le vicende di 4 amiche dell’alta borghesia parigina, che sceglieranno di scoprire il piacere non con un ragazzo; e infine “Sur le départ” di Michaël Dacheux, film sulla difficoltà di una storia d’amore a distanza, che ricorda il cinema di Rohmer.

About admin 2553 Articoli
CURIOSI DI CINEMA
Contact: Facebook