A novela das 8: recensione film torino glbt film festival

UNA SPY STORY BRASILIANA DOVE RIVOLUZIONARI E MILITARI, FANNO I CONTI CON LA FEBBRE DEL SABATO SERA

Finalmente abbiamo scoperto nella 27esima edizione del Torino Glbt Film Festival un film, prima di tutto bello, e che può essere distribuito in Italia: “A novela das 8” di Odilon Rocha. La pellicola, con marchio Universal che capeggia all’inizio, racconta i terribili giorni del Brasile nell’anno 1978 quando imperversava ancora la dittatura militare e la libertà democratica era solo un miraggio. Nonostante però la repressione politica, proprio in quei momenti drammatici, il paese si ritrova investito dalla febbre del sabato sera che sta dilagando in tutto il mondo grazie al telefilm delle 8, cioè la soap opera delle 20:00, ambientata in una discoteca di Rio De Janeiro e che porta il nome di “Dancin’ Days”.

In questo clima di oppressione, si muovono i personaggi del film: Dora, una donna in fuga da se stessa; una prostituta che per colpa di Dora si ritrova coinvolta in un intrigo da rivoluzionaria, pur non capendo nulla; un feroce poliziotto, voglioso di mantenere lo status quo e annientare le ideologie comunista; un diciassettenne gay, che vive con i nonni e che ha voglia di scoprire il mondo; un diplomatico dell’ONU che scopre la sua omosessualità ritornando a casa, dopo aver vissuto anni a Londra. Le storie di questi uomini e queste donne si intrecceranno, anche grazie ad una sceneggiatura abilmente scritta e che procede ben spedita verso la risoluzione finale.

“A novela Das 8”, vincitrice tra l’altro del premio come Miglior Film al Festival di Rio De Janeiro nel 2001, è un intenso melodramma che mescola con furbizia comicità e tragedia, anzi forse le battute migliori del film, quelle che hanno strappato risa e applausi in sala, accadono proprio quando dovrebbero esserci solo le lacrime. Il film vuole essere – e ci riesce anche abbastanza bene – un omaggio alla libertà dell’uomo, che può e deve sempre scegliere cosa essere e cosa fare della propria vita. Che sia proprio questo il film vincitore del Torino GLBT Film Festival “Da Sodoma a Hollywood”? In questo momento ce lo si deve augurare!

About admin 2553 Articoli
CURIOSI DI CINEMA
Contact: Facebook