L’esperimento del dr. k: focus sul film horror

RECUPERIAMO LE ORIGINI DEL CINEMA MODERNO, RIPARTIAMO DAL LONTANO 1958

C’era una volta un attore che aveva recitato in più di 190 film; il suo nome è diventato un simbolo e un’icona del cinema passato e presente, quasi  un marchio di garanzia caratteristico di un genere. In 55 anni di professione Mr. Vincent Price ci ha regalato performance straordinarie dando origine e importanza al filone horror-fantastico come nessun’altro prima. La lista è davvero lunga ma tra tutti spicca l’agghiacciante “L’esperimento del Dr. K” (in originale “The Fly”) del 1958.

La moglie dello scienziato Andre Delambre confessa di aver brutalmente ucciso il marito sotto una pressa idraulica. Poco rimane del corpo. Le brevi indagini e le prove non lasciano dubbi: la signora Delambre va immediatamente rinchiusa in un manicomio criminale. Ma la vedova ha altro da dire e racconterà all’investigatore e al cognato, Price appunto, una storia incredibile e terrificante: sperimentando il teletrasporto, il Dr. Ambre si era “fuso”con una mosca. Uscendo dalla capsula si era ritrovato con la testa e un arto da insetto.

La situazione si può risolvere con poche azioni; ma ancora una volta c’è altro da dire: il vero e grosso problema è che una piccola e imprendibile mosca se ne va in giro con braccia, testa e , soprattutto, coscienza umane.L’unico modo per ripristinare la normalità è ripetere il processo di teletrasporto con entrambi gli esseri, ma noi sappiamo come andrà a finire … oppure no?

Nonostante l’intero film sia un lungo flashback, la costruzione del plot è perfetta e riesce a mantenere alta la tensione e il senso di angoscia per tutta la durata fino a giungere all’epica conclusione a sorpresa, ormai entrata nell’immaginario collettivo. Al contrario del remake firmato D. Cronenberg del 1986, interamente incentrato sull’orripilante, graduale e degenerativa metamorfosi dello scienziato, questo mette a fuoco maggiormente l’umanità dei personaggi.

L’orrore deriva principalmente dalla tragicità della vicenda nella quale un uomo di scienza si immola per il bene della società e la sua devota moglie è disposta a sacrificare ogni cosa per amore del marito. Ovviamente tutto ciò è rappresentativo e metaforico di una morale: varcare i limiti, che siano della scienza o meno, nel bene o nel male ha sempre un costo … siamo davvero pronti a pagarlo?

Curiosità e notizie:

•             Il racconto “The Fly” fu pubblicato nel 1957 allegato a Playboy.

•             La sequenza di teletrasporto non viene mai mostrata.

•             È proprio D.Hedison (il dr Andre Delambre ) ad indossare la maschera da mosca.

•             “The Fly” è stato uno dei film di maggior incasso ne 1958.

•             Il laboratorio è costato 28.000 dollari e comprendeva anche attrezzature militari.

•             È il settantaduesimo film di Vincent Price.

About admin 2553 Articoli
CURIOSI DI CINEMA
Contact: Facebook