Disoccupato in affitto: recensione documentario

DOCUMENTARIO INDIPENDENTE SUL PROBLEMA DELLA DISOCCUPAZIONE GIOVANILE IN ITALIA

Pietro Mereu è un 38enne disoccupato che decide di cercare lavoro in nove città italiane ma utilizzando un metodo decisamente meno ortodosso della consegna dei curriculum: si “veste” da uomo-sandwich con su scritto “disoccupato in affitto”. Gira per le strade chiedendo a chiunque se ha un lavoro da offrirgli mentre l’amico Luca Merloni, regista del documentario, riprende tutto con una telecamera. Da questo viaggio italiano nasce un insolito film-inchiesta sul lavoro che non c’è e sulla grande frustrazione de i disoccupati, giovani e meno giovani.

Disoccupati in affitto è stato realizzato con il minimo indispensabile: (ad eccezione dei quadri disegnati da Cesare Corda) una telecamera, didascalie con il nome delle varie città e un sottofondo musicale, anch’esso piuttosto semplice ma azzeccato. Mezzi leggeri dunque, anzi, leggerissimi.

Il motivo di tale scelta, oltre al fattore economico, appare chiaro: a catalizzare l’attenzione dell’occhio del regista sono i volti degli italiani “intervistati” dall’uomo-sandwich. Spesso si tratta di primi piani molto stretti delle persone, quasi sempre dal basso – la telecamera di Merloni non è ad altezza sguardo per non mettere a disagio i soggetti coinvolti.

La materia prima su cui lavorare, e soprattutto riflettere, si rivela essere il malcontento della popolazione, espresso comunque con grande dignità. Ognuno dice la sua, espone le proprie idee e i propri disagi; Merloni e Mereu incontrano molte persone per cui sono svariate anche le risposte che ottengono e di conseguenza le opinioni riportate nel documentario. In questo modo, lo spettatore può farsi un’idea in modo più o meno obbiettivo.

Le risposte sono per altro assolutamente spontanee, accorate o scoraggiate, ma sempre autentiche. Il documentario è detto “il cinema della realtà”, un’espressione che si addice particolarmente bene alla nuova uscita di Distribuzione Indipendente che tocca l’argomento più importante di questi ultimi anni nel modo giusto, ovvero ottenendo risposte il più possibile “vere” dai diretti interessati.

About admin 2553 Articoli
CURIOSI DI CINEMA
Contact: Facebook