Massimo Troisi: 18 anni dalla scomparsa

NEL GIORNO DELL’ANNIVERSARIO DI MORTE, GLI VIENE INTITOLATA LA SCUOLA IN CUI STUDIAVA

Ricomincio da tre, Non ci resta che piangere, Che ora è?, Le vie del Signore sono infinite. Questi grandi capolavori del cinema italiano hanno in comune la presenza nel cast di Massimo Troisi. Per non parlare de Il Postino. È forse quest’ultimo il film che più è legato all’attore napoletano. Un primo motivo è perché gli valse la candidatura al premio Oscar nel 1996.

Il secondo malinconico motivo è che fu l’ultimo film in cui recitò. Fece, infatti, appena in tempo a finire le riprese, per poi lasciare definitivamente questo mondo. A portarci via prematuramente, all’età di 41 anni, uno dei più grandi attori italiani di tutti i tempi fu un attacco cardiaco dovuto a reumatismi articolari acuti. Una malattia destinata a farlo morire, e di cui soffriva sin dalla gioventù.

Oggi, in occasione del diciottesimo anniversario dalla sua morte, l’Istituto tecnico commerciale “Eugenio Pantaleo” di Torre del Greco ha voluto ricordarlo intitolandogli la struttura scolastica. E non a caso: la scuola era infatti quella che l’attore frequentò durante la sua adolescenza.

Noi, dal canto nostro, lo ricordiamo con questo estratto dal film Il Postino, nel quale Troisi ci ha fatto sognare e innamorare. E ricordatevi sempre una cosa: dall’amore non si può guarire, bisogna essere malati!

 

About Valeria Vinzani 567 Articoli
"Il cinema non è solo un'esperienza linguistica ma, proprio in quanto ricerca linguistica, è un'esperienza filosofica".
Contact: Facebook