Paolo sorrentino vince il ciak d’oro per “this must be the place”

VINCONO ANCHE OZPETEK, AMELIO E VICARI: L’ITALIA SI PREMIA

Ieri sera sono stati consegnati a Roma i Ciak d’Oro, i premi che ogni anno la rivista Ciak, diretta da Piera Detassis, conferisce alle migliori opere cinematografiche italiane ed internazionali. A vincere il premio più ambito, ovvero il Ciak d’Oro 2012 per il Miglior Film, è il regista Paolo Sorrentino per il suo “This Must Be the Place”, che si porta a casa inoltre i premi della Miglior Scenografia e quello per il Miglior Manifesto.

Non solo Sorrentino porta a casa tre premi, anche Daniele Vicari, per il suo “Diaz” vince i Ciak per il Miglior montaggio, Miglior sonoro in presa diretta e Miglior produttore dell’anno, che è stato consegnato a Domenico Procacci. I lettori di Ciak invece consegnano il premio per la Miglior Regia a Ferzan Ozpetek per il  film “Magnifica presenza”, mentre l’attore Elio Germano sbaraglia la concorrenza e si aggiudica il premio come Miglior Attore Protagonista. Valeria Golino è la Miglior Attrice Protagonista, mentre Pierfrancesco Favino e Anita Caprioli vincono il Ciak d’Oro come Miglior Attori non protagonisti.

Gianni Amelio, regista e direttore del Torino Film Festival, è stato premiato dalla per la Miglior Sceneggiatura de “Il primo uomo”, vincendo anche il Superciack d’Oro, assegnato dai critici del mensile.

“Corpo Celeste” di Alice Rohrwacher si aggiudica il Ciak d’Oro per la Miglior Opera Prima, mentre “The Artist” è il Miglior Film straniero. L’ultimo premio, il Ciak d’Oro Bello&Invisibile, destinato all’opera che non ha vinto l botteghino ma degna di nota, va al film “Tormenti” di Filiberto Scalpelli. 

About admin 2553 Articoli
CURIOSI DI CINEMA
Contact: Facebook