Taormina 58: jon kasdan presenta "the first time"

L’OPERA PRIMA DEL FIGLIO DI LAWRENCE KASDAN IN ANTEPRIMA AL TAORMINA FILM FEST

Titolo mocciano, ma una delicatezza nel raccontare una storia d’amore che ricorda registi come Rohmer: ecco come sintetizzare in breve The first time, film di Jon Kasdan, presentato al Taormina Film festival. La storia è molto semplice, ovvero raccontare, attraverso una commedia sexy, pur non scadendo mai nel volgare, il primo difficili rapporti di amore tra teenager. Il regista e gli attori, Brittany Robertson e Dylan O’Brian, hanno raccontato al pubblico la loro esperienza sul set e di come sono riusciti a portare sul grande schermo le domande che assillano tutti i ragazzi in ogni parte del mondo: come sarà la mia prima volta?

È quello/a giusto/a?

Il regista dichiara: “è meraviglioso essere in Italia, soprattutto perché io sono cresciuto vedendo film italiani e camminando per Taormina ho l’impressione di essere su un set di un film italiano“. Anche per Dylan O’Brian, celebre per Teen wolf è la prima volta nel nostro paese, ma è rimasto talmente affascinato da Taormina che ci vorrebbe venire ogni anno “anche se non ho un film da presentare“. Per Brittany Richardson invece è “la prima volta in Europa e sono rimasta affascinata dalla storia e dai luoghi incantati di questa terra“.

Kasdan spiega che questo è per lui un film molto personale e racconta in parte la prima volta che è sta  to innamorato:”volevo fare una commedia su come ci si sente importanti a 17 anni quando si è innamorati. Il copione che ho scritto è piaciuto subito agli addetti ai lavori e, nonostante il budget limitato, abbiamo lavorato velocemente ma in maniera semplice“. Poi il regista ha spiegato l’obiettivo che si è posto con The first time e che voleva raggiungere, ovvero “raccontare il passaggio dall’essere bambini a diventare adulti“. Del resto, come ha voluto sottolineare :”tutti i miei film raccontano questo passaggio e i personaggi di Dylan e Brittany mettono in scene le paure di questo periodo e di come si possono superare“.

Poi Jon Kasdan ha voluto raccontare un episodio curioso della sua adolescenza, quando per tre volte è andato dallo psicologo, trasformato in uno dei personaggi del suo film: “lui non parlava mai e sono l’ultima volta ha detto una frase e per questo che ho voluto inserire un personaggio (un giocatore di football, ndr.) che non parla mai per tutta la durata della pellicola, che però alla fine dice la cosa giusta“. Soffermandosi sul genere a cui appartiene The first time, commedia sexy e romantica, secondo il regista è difficile negli USA fare film d’amore perché “il pubblico non ha più tempo. Non ha pazienza e non c’è più spazio per il romanticismo. È più difficile oggi, rispetto al passato, fare un film del genere e trovare un pubblico“.

Per quanto riguarda la scelta degli attori protagonisti, Kasdan ha raccontato di aver fatto tantissimi provini, ma solo quando ha visto Dylan e Brittany insieme ha pensato:”Ecco è perfetto!“. I due Attori principali hanno poi voluto sottolineare come si siano ritrovati a loro agio sul set e nell’interpretare i loro personaggi, dato che hanno vissuto nell’adolescenza esperienze simili. Infine prima di concludere la conferenza stampa, il regista ha raccontato che suo padre, Lawrence, ha letto lo script e lo ha consigliato: “mio padre è un regista, ma prima di tutto è uno scrittore come mio fratello Jack.

Vengo da una famiglia di scrittori e ci leggiamo a vicenda. Entrambi mi sono stati di Aiuto e alla fine del processo creativo, lo script è stato così interessante anche per le cose che mi hanno consigliato“. Del resto si tratta di una pellicola dove la parola e i dialoghi sono al centro della narrazione e anche grazie a questo lavoro di lettura casalingo, The first time risulta un’opera piacevole.  

About admin 2553 Articoli
CURIOSI DI CINEMA
Contact: Facebook