Hitchcock supera welles: È suo il film piÙ bello di tutti i tempi

“LA DONNA CHE VISSE DUE VOLTE”, SECONDO GLI 846 VOTANTI DI SIGHT&SOUND È IL FILM PIÙ BELLO DI TUTTI I TEMPI. SOLO DECIMO FELLINI

Di classifiche sui film più belli di tutti i tempi ne esistono a non finire. La più autorevole però rimane quella della rivista britannica Sight&Sound, che ogni 10 anni stila una classifica ufficiale dei film più belli di tutti i tempi per il British Film Institute. In realtà le classifiche sono 2: una realizzata da 846 critici internazionali (che prevede la scelta di 50 film) e una stilata da 358 registi, che ricercano tra i loro colleghi i 10 film migliori di sempre. 

Per quanto riguarda la classifica dei critici, dopo anni di dominio incontrastato, ovvero dal 1952, anno in cui Sight&Sound regala ai suoi lettori questa classificazione, Orson Welles deve cedere la medaglia d’oro a Alfred Hitchcok. Infatti Vertigo (La donna che visse due volte) è il miglior film di tutti i tempi (almeno per il decennio che verrà) seguito dall’argento Quarto potere e il bronzo Viaggio a Tokyo. Per quanto riguarda gli italiani, c’è da segnalare il decimo posto (una conferma negli anni!) di 8 ½ di Federico Fellini; L’avventura di Antonioni è al 21esimo posto, con Ladri di Biciclette, La Dolce vita e Viaggio in Italia che entrano in Top 50. 

Le medaglie, giusto per restare in tema olimpico, cambiano quando a votare sono i registi. Secondo loro, il film più bello di tutti i tempi è Viaggio a Tokyo di Ozu, con al secondo posto 2001 Odissea nello spazio e al terzo Quarto potere. Per l’Italia ancora decimo posto con Ladri di biciclette

 

LE CLASSIFICHE DEI 50 FILM PIÙ BELLI DI TUTTI I TEMPI:

 

1. La donna che visse due volte (Hitchcock, 1958)
2. Quarto Potere (Welles, 1941)
3. Viaggio a Tokyo (Ozu, 1953)
4. La regola del gioco (Renoir, 1939)
5. Aurora (Murnau, 1927)
6. 2001: Odissea nello spazio (Kubrick, 1968)
7. Sentieri Selvaggi (Ford, 1956)
8. L’uomo con la macchina da presa (Vertov, 1929)
9. La passione di Giovanna d’Arco (Dreyer, 1927)
10. 8 ½ (Fellini, 1963)
11. La corazzata Potëmkin (Ejzenstejn, 1925)
12. L’Atalante (Vigo, 1934)
13. Fino all’ultimo respiro (Godard, 1960)
14. Apocalypse Now (Coppola, 1979)
15. Tarda primavera (Ozu, 1949)
16. Au hasard Balthazar (Bresson, 1966)
17. I sette samurai (Kurosawa, 1954)
17. Persona (Bergman, 1966)
19. Lo specchio (Tarkovsky, 1974)
19. Cantando sotto la pioggia (Donen & Kelly, 1951)
21. L’avventura (Antonioni, 1960)
21. Il Disprezzo (Godard, 1963)
21. Il Padrino (Coppola, 1972)
24. Ordet (Dreyer, 1955)
24. In the Mood for Love (Wong, 2000)
26. Rashomon (Kurosawa, 1950)
26. Andrei Rublev (Tarkovsky, 1966)
28. Mulholland Drive (Lynch, 2001)
29. Stalker (Tarkovsky, 1979)
29. Shoah (Lanzmann, 1985)
31. Il Padrino – Parte II (Coppola, 1974)
31. Taxi Driver (Scorsese, 1976)
33. Ladri di biciclette (De Sica, 1948)
34. Il generale – Come vinsi la guerra (Keaton & Bruckman, 1926)
35. Metropolis (Lang, 1927)
35. Psycho (Hitchcock, 1960)
35. Jeanne Dielman, 23 quai du Commerce 1080 Bruxelles (Akerman, 1975)
35. Sátántangó (Tarr, 1994)
39. I 400 colpi (Truffaut, 1959)
39. La dolce vita (Fellini, 1960)
41. Viaggio in Italia (Rossellini, 1954)
42. Il lamento sul sentiero (Satyajit Ray, 1955)
42. A qualcuno piace caldo (Wilder, 1959)
42. Gertrud (Dreyer, 1964)
42. Il bandito delle 11 (Godard, 1965)
42. Play Time (Tati, 1967)
42. Close-Up (Kiarostami, 1990)
48. La battaglia di Algeri (Pontecorvo, 1966)
48. Histoire(s) du cinéma (Godard, 1998)
50. Luci della città (Chaplin, 1931)
50. I racconti della luna pallida d’agosto (Mizoguchi, 1953)
50. La Jetée (Marker, 1962)

 

Top 10 dei registi

1. Viaggio a Tokyo (Ozu, 1953)
2. 2001: Odissea nello spazio (Kubrick, 1968)
2. Quarto Potere (Welles, 1941)
4. 8 ½ (Fellini, 1963)
5. Taxi Driver (Scorsese, 1980)
6. Apocalypse Now (Coppola, 1979)
7. Il Padrino (Coppola, 1972)
7. La donna che visse due volte (Hitchcock, 1958)
9. Lo specchio (Tarkovsky, 1974)
10. Ladri di biciclette (De Sica, 1948)

 

(4 Agosto)

About admin 2553 Articoli
CURIOSI DI CINEMA
Contact: Facebook