Venezia 69: arrivano i film in streaming

ON DEMAND SARANNO DISPONIBILI ALCUNI TITOLI DELLA SEZIONE ORIZZONTI

Come anticipato qualche settimana fa durante la conferenza stampa di presentazione una delle più grandi novità della 69esima edizione della Mostra del cinema di Venezia, sarà la possibilità di poter assistere alle anteprime di alcuni film direttamente dal divano di casa.


Per la prima volta infatti alcuni film della selezione ufficiale saranno disponibili in tutto il mondo per la visione in streaming, in contemporanea con le proiezioni ufficiali al Lido. Un salto nel vuoto non indifferente per un Festival come quello di Venezia che punta con questa mossa a dare una sterzata decisa rispetto alle edizioni passate ponendosi come esempio d’innovazione e avanguardia.
Ai più sembrerà un passo di poca rilevanza, ma se pensiamo agli enormi problemi che tutt’oggi persistono ad ogni Festival italiano soltanto per garantire la copertura wireless per il wi-fi gratuito nelle aree circostanti le zone di proiezione. Con evidente, enorme disagio per giornalisti e spettatori comuni.

Questo passo verso la diffusione web di contenuti cinematografici in anteprima, superando le comprensibili paure per i rischi della pirateria on-line, è un tentativo di dare ulteriore visibilità attraverso un canale importante come quello di internet, specialmente ai giovani autori. I film che si potranno comodamente gustare da casa saranno infatti 10 lungometraggi e 13 corti tra quelli della sezione Orizzonti.


Per tutti coloro che vorranno assistere alle proiezioni selezionate si tratterà di prenotare un biglietto elettronico in quella che viene considerata come una vera e propria sala virtuale da 500 posti. Il sito Festival Scope gestirà per conto della Mostra il servizio di messa in onda tramite streaming garantendo, come da tradizione festivaliera, la visione delle versioni originali sottotitolate a partire dalle ore 21 del giorno della presentazione ufficiale alla Mostra del film scelto dallo spettatore.



I biglietti saranno acquistabili al costo di 4 euro e venti sul sito della Biennale con la doppia formula lungometraggio/selezione corti.Una bella idea per lo staff del neo-direttore Alberto Barbera (a sinistra nella foto), con la speranza che per una volta anche in Italia saremo in grado di poter dire di essere stati i pionieri di una rivoluzione in digitale.

 

(21 Agosto 2012)

About Francesco Buosi 376 Articoli
Onnivoro cinematografico e televisivo, imdb come vangelo e la regia come alta aspirazione.
Contact: Facebook