Venezia 69 – giorno 2: spazio a the iceman e superstar

GIORNATA PIENA DI RACCONTI INCENTRATI SUI VALORI FAMILIARI E SULL’UMANITÀ DELL’INDIVIDUO

Venezia 69, giorno due. Sono arrivati i nomi da Festival, quelle personalità così ben riconosciute in ambito internazionale da noi addetti ai lavori, che al contempo risultano essere quasi anonime alla maggior parte delle persone che si affacciano al mondo cinema. Russia, Cina ed India su tutti, quasi fossero le Olimpiadi del grande schermo. Grande spazio al regista Serebrennikov, il cui film Izmena ha suscitato sensazioni contrastanti, diviso nel suo duplice animo di film noir intimista e nel suo tentativo di rappresentare un estetica formalista contemporanea.

Dopo il bagno di folla per Kate Hudson e il suo compagno, il frontman dei Muse Matthew Bellamy, oggi si torna a veder sventolare la bandiera USA con il film The Iceman di Ariel Vromen interpretato da un poliedrico Michael Shannon nei panni del killer Richard Kulinski Alto anche il vessillo europeo col drammico, parola appena coniata tra dramma e comico, film francese Superstar di Xavier Giannoli (trailer sotto), molto applaudito in sala, oltre ad una schiera di film collaterali che spazieranno dalle giornate degli autori alla settimana della critica.

Molto atteso anche l’arrivo del regista Michael Cimino, che riceverà il premio Persol…alla carriera, mentre nello Spazio Lancia appuntamento con Winona Ryder, presente appunto nel cast del thriller americano, a cui seguirà il party di produzione di At any price di Ramin Bahrani con Zac Efron. Intanto è cominciato il fuori concorso per l’italiano Ivano De Matteo e il suo Gli Equilibristi capitanato dal sempre bravo Valerio Mastandrea, insieme a Barbora Bobulova.

(30 agosto 2012)

About admin 2553 Articoli
CURIOSI DI CINEMA
Contact: Facebook