Frankenweenie: anche la premiere americana in bianco e nero

TIM BURTON NON FINISCE MAI DI STUPIRE, NON SOLO NEI FILM

Che fosse un regista eccentrico lo sapevamo. Che gli piacesse impressionare e colpire pubblico e stampa anche. Ma mentre prima si limitava a farlo nei film, e anche giocando sulla sua appariscente personalità, adesso Tim Burton va oltre e applica il concetto anche agli eventi mondani che lo vedono protagonista.

Ieri, infatti, si è tenuta la premiere americana del suo ultimo lavoro Frankenweenie, film d’animazione in stop-motion 3D rigorosamente in bianco e nero. Per l’occasione, la genialità del personaggio ha pensato fosse bene presentare alla stampa e ai fans accorsi numerosi, il cast in tenuta bicolore e imporre ai fotografi di pubblicare foto dell’anteprima solo se in bianco e nero (vedi la gallery a fine articolo).

Ha organizzato tutto nei minimi dettagli Burton, come fa sempre per i suoi film. Ma con Frankenweenie ha avuto un occhio di riguardo in più, forse dovuto al fatto che questo cartone è l’adattamento di un corto girato da lui stesso nel 1984, quando ancora era un esordiente.

Questa la sinossi ufficiale della commedia d’animazione: “Dopo aver inaspettatamente perso il suo adorato cane Sparky, il giovane Victor sfrutta il potere della scienza per riportare in vita il suo amico, con qualche lieve variazione. Prova a nascondere la sua creazione cucita-in-casa, ma quando Sparky esce i compagni di scuola di Victor, gli insegnanti e l’intera città scoprono che “tenere al guinzaglio una nuova vita” può essere mostruoso”.

Mentre in America uscirà il prossimo 5 ottobre, per vedere l’ultima opera cinematografica firmata dal film maker statunitense bisognerà attendere fino al 17 gennaio 2013.

About Valeria Vinzani 567 Articoli
"Il cinema non è solo un'esperienza linguistica ma, proprio in quanto ricerca linguistica, è un'esperienza filosofica".
Contact: Facebook