Venezia 69: the weight trionfa al queer lion

IL QUEER LION ASSEGNATO A THE WEIGHT, INTERESSANTE OPERA COERANA AMBIENTATA IN UN OBITORIO

Ieri pomeriggio, alla 69esima Mostra Internazionale d’Arte cinematografica di Venezia, è stato assegnato il Queer Lion 2012, ovvero il premio conferito al miglior filma tematica GLBT, giunto ormai alla sesta edizione. Ad aggiudicarsi il premio collaterale è stato il film coereano The Weight di Jeon Kyu-hwan. La giuria del Queer Lion, presieduta dai registi di Et in terra Pax, Daniele Coluccini e Matteo Botrugno, insieme a Daniel N. Casagrande, creatore del premio, e Marco Busato, delegato generale dell’associazione culturale CinemArte, ha così motivato la scelta: “Per aver saputo trattare con un linguaggio estremo, ma poetico e convincente, una straordinaria varietà di temi spesso frutto di insuperabili tabù, e per aver mostrato con convinzione e senza autocompiacimento una galleria di personaggi borderline alla ricerca di un angolo di mondo dove poter vivere senza essere giudicati per le proprie diversità”.

Il film racconta la storia di Jung un uomo che lavora presso l´obitorio, con il compito di ricomporre i cadaveri. Mentre svolge con grande maestria le sue mansioni quotidiane che consistono nel pulire e vestire i morti, deve combattere una battaglia personale contro la tubercolosi e l´artrite. Massicce dosi di medicine si aggiungono così alla passione e alla nobiltà che lui associa al suo lavoro. E la sua vita diventa una combinazione tra realtà e fantasia, con i cadaveri che diventano degli amici e dei modelli per la sua immaginazione. «Attraverso la figura di un gobbo di nome Jung, fin dalla nascita gravato dal peso del dolore, e quella dei vari personaggi che lo circondano, ognuno con i propri traumi, ho voluto raccontare il fardello della vita che gli uomini si trascinano dietro, in forma di “fantasia grottesca”.

About admin 2568 Articoli
CURIOSI DI CINEMA
Contact: Facebook