Ferzan ozpetek: padrino del festival turco di roma

IL REGISTA APRE LA KERMESSE CHE SI TERRÀ FINO AL 21 OTTOBRE E ANNUNCIA IL SUO NUOVO LAVORO

Mamma li turchi. Arrivano con i film: è questo il titolo della kermesse capitolina dedicata al cinema Turco che si terrà alla Casa del cinema a partire da oggi e fino al 21 ottobre inaugurata oggi dal più consono padrino che l’evento potesse desiderare, Ferzan Ozpetek.

“Credo sia importante far vedere il cinema italiano all’estero e far vedere i film che non arrivano in Italia. I film turchi sono sconosciuti, ma ce ne sono di bellissimi. Il Film Festival Turco di Roma e’ un modo per far conoscere la Turchia” ha dichiarato il regista nella conferenza stampa di apertura di questo Festival che è solo al secondo anno di vita ma che ha ottenuto già un enorme consenso.

L’importanza di questo evento che porta alla conoscenza di una cultura diversa e per questo temuta è stata sottolineata dal Ministro per gli Affari Europei della Repubblica di Turchia Egemen Bağiş ”la Turchia da 53 anni lavora per entrare nella Comunità Europea e ora dei malintesi, dovuti al pregiudizio e alla mancanza di informazione, si stanno ovviando. Quando si teme un paese è perché non lo si conosce. Attraverso il cinema, che affronta le realtà della vita quotidiana, si può conoscere la cultura turca”. Dello stesso avviso è Dino Gasperini, Assessore alle Politiche Culturali della Capitale che asserisce “attraverso l’informazione si può fare formazione. Lo scambio cinematografico con la Turchia è la dimostrazione che, ancora una volta, la cultura ha anticipato la politica”. Ma attenzione “questo non è un Festival politico” sottolinea l’Ambasciatore turco a Roma Hakki Akil.

E, come nota a margine della conferenza Ferzan Ozpetek confida di essere già a lavoro su un nuovo film che “non è una commedia, ma come la vita riflette momenti diversi”.

About Sandra Martone 1239 Articoli
Fiera, sommessa, repentina e breve. Anima d'annata ma anche editor e talent scout.
Contact: Facebook