Il box office "boccia" l’italia

BREVE ANALISI DEGLI INCASSI: I NOSTRI FILM SEMPRE IN SECONDA LINEA

Mentre le uscite anticipate di giovedì dimostrano come gli spettatori sappiano adeguarsi ai cambiamenti di programma e di gestione delle proiezioni, il successo dei film stranieri al box office continua ad descrivere l’esigenza di un pubblico che vuole divertirsi al cinema, ossia allontanarsi da una quotidianità e da problemi sociali che vengono affrontati nei film italiani un po’ troppo spesso, che siano di genere comico o drammatico. Il pubblico vuole essere intrattenuto con storie che facciano viaggiare la mente, non con storie che siano lo specchio di una realtà da cui si vuole evadere.

I 3 film italiani usciti ieri nelle sale, All’ultima spiaggia, Padroni di casa e Un giorno speciale, si aggiungono alle esigue proiezioni nostrane e che concorrono con film stranieri che in un modo o nell’altro li oscurano, denotando come l’offerta narrativa/cinematografica oltre oceano sia più allentante e soddisfacente di quella del cinema italiano.

Per rimanere in tema delle ultime uscite del 4 ottobre Ted, commedia del creatore dei Griffin (Family Guy) Seth MacFarlane, si aggiudica un buon posto non deludendo le aspettative nei botteghini di tutto il mondo.  Step Up Revolution 3D, quarto capitolo della saga, esordisce con il botto e si aspetta un aumento degli incassi durante il weekend.

Se da un lato il cinema italiano tenta di sopravvivere a una crisi produttiva dilagante con film con uno spessore narrativo che si aggiudicano pareri positivi da parte della critica e del pubblico (come Reality),  dall’altro lato sta cadendo in un baratro di relativi insuccessi  che non permettono una facile rivincita rispetto ai film esteri/hollywoodiani. È anche vero che il pubblico italiano è abituato ad andare al cinema soprattutto per godersi blockbuster sensazionalistici ed esteticamente più interessanti.

Gli spettatori continuano ad andare al cinema al di là crisi economica, facendo raggiungere buoni incassi considerando l’anticipazione delle uscite dei film al giovedì; rimane il fatto che i film italiani non riescono ad ottenere posizioni interessanti nei botteghini proprio perché è impossibile raggiungere livelli di intrattenimento e di varietà di genere che possono raggiungere film d’animazione come L’era glaciale 4 –Continenti alla deriva. Magari il film Iginio Straffi Gladiatori di Roma, in uscita il 18 ottobre, potrebbe tener testa alle nuove pellicole non-italiane proprio perché propone un genere diverso nel panorama del nostro cinema. La qualità sarà da giudicare, ovviamente.

A cura di Riccardo Rudi 

(5 ottobre 2012) 

About Collaboratori Esterni 376 Articoli
Le migliori rubriche scritte dai nostri collaboratori