30 tff – blancanieves: recensione film

ANCORA UNA VOLTA RIPROPOSTA UNA NUOVA VERSIONE DELLA FIABA DI BIANCANEVE DEI FRATELLI GRIMM, STAVOLTA PERÒ IN UN FILM MUTO E IN BIANCO E NERO.

Sicuramente se l’anno scorso The Artist non avesse stravinto la notte degli Oscar, adesso non staremmo qui a raccontarvi dal Torino Film Festival di Blancanieves, pellicola spagnola di Pablo Berger, presentata alla kermesse cinematografica piemontese nella sezione Festa Mobile. Sì, perché, nonostante il progetto di Blancanieves sia antecedente a The Artist, senza il successo di quest’ultimo sicuramente il film non avrebbe potuto disporre dei soldi necessari alla sua realizzazione. Ed evidentemente sarebbe stato un peccato dato che la Spagna proprio per la notte degli Academy Awards 2013 punta tutto su questo gioiellino muto e in bianco e nero.

Il 2012 comunque sarà ricordato proprio come l’anno della principessina dalla pelle bianca e dai capelli color dell’ebano, dato che proprio quest’anno sono usciti nei cinema di tutto il mondo due film ispirati alla fiaba dei fratelli Grimm, ovvero Biancaneve e il cacciatore e Biancaneve. Insomma come da tradizione, il mondo del cinema rispolvera qualche vecchia fiaba e al momento, a quanto pare, Biancaneve è quella che va per la maggiore (con La bella addormentata, pronta a dichiararle guerra, dato che presto uscirà Maleficient di Tim Burton ispirato alla favola di quest’altra celebre principessina).

Il lavoro di Pablo Berger comunque differisce dagli altri due film, usciti nelle sale, il primo motivo è che molto probabilmente non lo vedremo mai nei cinema italiani (a meno che Hollywood non decida di consegnare alla Spagna, la celebre statuetta). In secondo luogo per la scelta stilistica di proporre un film in bianco e nero, nonostante anche questa sembra essere (almeno negli ambienti radical chic) la moda del momento, più del 3D. E poi anche per il modo in cui è stata realizzata la sceneggiatura, che non punta al magico, ma racconta la storia di una ragazza, Carmen, figlia di un celebre torero a Siviglia negli anni ’20. Per sfuggire alla matrigna Encarna, la ragazza fugge con un gruppo di sette nani toreri. Ovviamente Berger è riuscito nell’impresa di seguire punto per punto la fiaba dei fratelli Grimm, senza snaturarla, apportando solo qualche piccola modifica per adattare al mondo reale dove non esiste la magia.  

About admin 2553 Articoli
CURIOSI DI CINEMA
Contact: Facebook