Giuseppe Tornatore, ogni film un’opera prima: recensione film

IL FILM RIPERCORRE TUTTA LA CARRIERA DEL REGISTA ITALIANO

giuseppe tornatore ogni film un'opera prima locandinaGENERE: documentario

DATA DI USCITA: 18 Marzo 2013

VOTO: 3,5 su 5

Questa settima edizione del Festival Internazionale del Film di Roma si caratterizza anche per i documentari che raccontano le vite professionali di noti personaggi italiani che fanno parte del mondo dello spettacolo. Dopo Carlo! su Carlo Verdone e Giuliano Montaldo, quattro volte vent’anni, arriva anche Giuseppe Tornatore – ogni film un’opera prima.

Luciano Barcaroli e Gerardo Panichi dirigono un’opera che ripercorre la carriera e indaga la personalità creativa di uno dei più grandi registi italiani contemporanei, Giuseppe Tornatore. Lui stesso si racconta, chiarisce determinate scelte narrative e di contenuti che negli anni ha portato sul grande schermo. Filmati di repertorio, sequenze tratte dai film, materiale inedito è offerto agli spettatori. Ma anche tante interviste a personaggi del settore che con lui hanno lavorato, o che lo hanno conosciuto.

Tra i tanti: Monica Bellucci, Sergio Castellitto, Tonino Guerra, Ennio Morricone, Tim Roth, Sergio Rubini, Geoffrey Rush e Francesco Scianna. “Quello che mi piace sottolineare è la sua fedeltà, la sua logica, la sua coerenza”, dice Morricone. Il documentario, inoltre, presenta anche i momenti più importanti della sua carriera lavorativa come la vittoria del premio Oscar come Miglior film straniero per Nuovo Cinema Paradiso, motivo per il quale gode di grande fama anche a livello internazionale.

Emozionante ma anche divertente, è uno sguardo interessante su un cineasta importante del nostro cinema.

 

About Valeria Vinzani 567 Articoli
"Il cinema non è solo un'esperienza linguistica ma, proprio in quanto ricerca linguistica, è un'esperienza filosofica".
Contact: Facebook