Roma film fest- a glimpse inside the mind of charles swan iii: recensione film

COPPOLA JR E CHARLIE SHEEN, UNA COPPIA PERFETTA

Per chi fosse entrato in sala con dei pregiudizi si è dovuto ricredere; Roman Coppola con il suo A glipse inside the mind of Charles Swan III ha convinto tutti e l’unico motivo per il quale si può collegare al padre è per aver ereditato il suo talento.

Un film visionario, divertente ed eccentrico. Quello mostrato è un viaggio nella mente di Charles Swan un grafico pubblicitario di enorme successo che cade in depressione dopo essere stato lasciato dalla giovane fidanzata. Ma non è la trama a rendere interessante il lavoro di Coppola, bensì come il regista affronta la narrazione e riesce a raccontare l’universo di un uomo che vede infranta la sua vita fino a quel momento perfetta. Il merito è anche di Charlie Sheen perfetto nel ruolo di Swan dietro gli immancabili occhiali da sole.

Quella che vuole essere rappresentata è la psiche di uomo che però è anche un creativo; una mente disordinata con strane priorità, fisime e tantissima fantasia che gli permette di fare al meglio il suo lavoro di grafico pubblicitario nel periodo d’oro vissuto dal settore negli Stati Uniti, gli ani 70. Intorno al protagonista però c’è anche un universo che lo aiuta, la sua creatività prende l’ispirazione dalla famiglia, dagli amici, dai colleghi, da tutte quelle persone che lo accettano e gli vogliono bene per essere così caotico ma allo stesso tempo premuroso verso chi lo circonda.

Una pellicola perfetta che racconta l’amore dal punto di vista maschile e vede, oltre alle ottime interpretazioni, anche una bellissima fotografia e soprattutto una scelta musicale che accompagna e diverte nel procedere delle varie situazioni. Coppola ha dichiarato che il suo vuole essere un film per bambini con tematiche adulte, noi aggiungiamo che è un film che vale la pena di essere visto e premiato. 

About admin 2553 Articoli
CURIOSI DI CINEMA
Contact: Facebook