Roma film fest: i protagonisti del red carpet

SFILATA DI STAR ITALIANE E INTERNAZIONALI NELLA GIORNATA DI IERI

Ad aprire la mattinata festivaliera di ieri, sabato 10 novembre, è stato il primo film italiano presentato in concorso a questa settima edizione del Festival Internazionale del Film di Roma. Alì ha gli occhi azzurri, per la regia di Claudio Giovannesi (Fratelli d’Italia), racconta la storia di due ragazzi che vivono ad Ostia. Neorealismo e ispirazioni pasoliniane caratterizzano questo film, il cui cast al completo ha sfilato sul red carpet. Protagonisti indiscussi della scena sono stati però i giovani attori Nader Sarhan, Stefano Rabatti e Brigitte Apruzzesi, promesse del cinema italiano contemporaneo.

Di tutt’altro stile narrativo è invece Mental, commedia musicale diretta da P.J.Hogan (Il matrimonio del mio migliore amico, I love shopping) presentata nella categoria Fuori Concorso. Una famiglia allo sbaraglio viene riportata sulla diritta via da una Toni Collette che in versione così divertente, esagerata e fuori di testa non l’avevamo mai vista. Alla kermesse capitolina lei però non c’era, ma erano presenti a fare le veci del film il regista australiano, Caroline Goodall, Kerry Fox e Todd Fellman.

Per quanto riguarda la sezione Prospettive Italia, a fine articolo trovate le foto anche de Il turno di notte lo fanno le stelle di Edoardo Ponti, e La scoperta dell’Alba di Susanna Nicchiarelli (Cosmonauta). Il primo, storia di complicità tra individui e implicazioni sentimentali, è stato raccontato in conferenza dal regista, dal protagonista maschile Enrico Lo Verso e dallo scrittore Erri De Luca, attore e sceneggiatore del film. I personaggi del secondo invece, al cui red carpet ha sfilato tutta la troupe al completo, erano molto attesi dalla critica per il fatto che l’opera cinematografica è tratta dall’omonimo romanzo di Walter Veltroni.

Per concludere con le principali facce che si sono distinte sul tappeto rosso di ieri, per Alice nella città, sezione autonoma e parallela dedicata alla promozione del cinema nelle scuole, vi mostriamo i due attori de Le sac du farine di Kadija Leclere. Co-produzione tra Belgio, Marocco e Francia, il prodotto è un buon film che racconta la determinazione di una ragazza marocchina cresciuta in Belgio, che vuole decidere della sua vita da sola, senza che la famiglia si occupi del suo futuro come vorrebbe la loro tradizione.

 

About Valeria Vinzani 567 Articoli
"Il cinema non è solo un'esperienza linguistica ma, proprio in quanto ricerca linguistica, è un'esperienza filosofica".
Contact: Facebook