Tff 30-autobiografia di un bugiardo: recensione film

RITORNANO GLI INDIMENTICABILI MONTY PYTHON MA IN VERSIONE CARTOON

Hanno cambiato il cinema britannico con la loro ironia i fratelli Monty Python e ora ritornano, e ritornano tutti e sei grazie a Grahan Chapman, morto 23 anni fa, e all’autobiografia che lui stesso ha registrato su audiocassette finora sconosciute e che involontariamente si trova a raccontarci l’avventura deila sua vita in prima persona, sotto la regia di Jeff Simpson, Bill Jones e Ben Timlett.

Il lungometraggio, Autobiografia di un bugiardo, presentato in anteprima mondiale all’ultimo Festival di Toronto e ripresentato in anteprima europea alla trentesima edizione del Torino Film Fest è costituito da 17 corti animati, è stato prodotto con un budget molto basso con animazione artigianale e figurine disarticolate mosse come marionette.

Cleese interpreta se stesso, Jones e Palin sono la madre e il padre di Graham (oltre a vari docenti universitari), Gilliam interpreta numerosi personaggi demenziali, cui si aggiunge Carol Cleveland, Python al femminile.

Sin dall’inizio il film, che uscirà a gennaio nel Regno Unito, si professa bugiardo ma con parti reali raccogliendo, attraverso la vita di Chapman, i ricordi dell’intero gruppo.

L’idea di render cartoon l’esperienza reale dei Monthy Phyton usando anche scene di repertorio rende il film una spassosa biopic di genere totalmente autoreferenziale che però colpisce lo spettatore, che sia fan dei fratelli o che usi questo documentario collage per affacciarsi digiuno a questo pezzo di storia della settima arte che è un’opera geniale degli giovanissimi Studios inglesi non priva della voce di ospiti d’onore che vanno da Tom Hollander a Stephen Fry, a Lloyd Kaufman o Cameron Diaz, che “doppia” un particolarissimo Sigmund Freud.

Un lungometraggio senza dubbio da vedere Autobiografia di un bugiardo, ennesima chicca di questo Festival che si conferma una culla di ottimo cinema.

About Sandra Martone 1239 Articoli
Fiera, sommessa, repentina e breve. Anima d'annata ma anche editor e talent scout.
Contact: Facebook