Tutti pazzi per rose: recensione film

UNA DONNA E LA SUA MACCHINA DA SCRIVERE, E UN SOGNO DA REALIZZARE 

GENERE: commedia

DATA DI USCITA: 30 maggio 2013

La fiducia non sempre si sa in chi riporla, come le aspettative e le scommesse verso il prossimo. Poi ci sono quei rari casi in cui tutto avviene in modo naturale, spontaneo, senza neanche rendersi conto del perché si sente il bisogno di puntare tutto su quell’unico colore e quell’unico numero o persona e lo si fa anche nel moemento in cui si diventa famosi.

È quello che succede a Luis, assicuratore scapolo, uno dei protagonisti di Populaire che decide di trasformare la sua nuova goffa segretaria in una splendente farfalla e lo fa cercando di scoprire il suo talento e riconoscendolo nella sua dote di dattilografa. Diventa così il suo allenatore e la iscrive ai campionati di dattilografia dove a vincere è la più veloce a battere più caratteri a macchina.

Inizia così il percorso di Luis e di Rose, il loro obiettivo comune diventa un motivo di crescita per entrambi, dove ognuno imparerà a conoscere l’altro ma anche se stesso le proprie debolezze e punti di forza ma soprattutto i loro sentimenti e passioni.

In una società, quella francese del 1959, dove le donne hanno sempre più autonomia e dove l’indipendenza delle donne cresce ogni giorno di più al pari del progresso tecnologico, qui raccontato con l’evoluzione della macchina da scrivere, e l’unico ostacolo che può presentarsi  sembra essere la paura. Il sentimento più pericoloso, quello che potrebbe impedire di raggiungere i propri scopi, di amare  e di vivere appieno la propria vita. Un sentimento estraneo a Rose, nella sua solo apparente ingenuità, ma che invece invade Luis fino a fermarlo.

Poi è la vita a prendere il sopravvento, a svelare ai protagonisti il motivo vero del perché di quella fiducia riposta nell’altro, di quell’imbarazzo e delle gelosie. Una commedia che racconta una società che cresce grazie a dei simpatici personaggi che scommettono, non solo su quei piccoli avvenimenti della quotidianeità, ma sulle proprie vite, sui progetti, e lo fanno per il proprio bene ma anche per la persona che hanno accanto perché la stimano e la amano e che rimangono fedeli ai propri sentimenti nonostante la popolarità, i flash e le copertine patinate. 

About admin 2553 Articoli
CURIOSI DI CINEMA
Contact: Facebook