CinecittÀ: nessun licenziamento

IPOTESI DI ACCORDO IN QUEL DEGLI STUDIOS, PACE DOPO UNA LUNGA TEMPESTA

Sono stati otto mesi di fuoco per i lavoratori degli Studios di Cinecittà, storico simbolo e casa morale della storia del nostro cinema. È stata raggiunta infatti un’ipotesi di accordo tra la direzione e i sindacati che non prevede alcun licenziamento: se da una parte i lavori per gli stabilimenti sulla Tuscolana continueranno dall’altra la carenza di lavoro verrà affrontata con un contratto di solidarietà della durata di 12 mesi. L’intesa prevede anche una serie di garanzie occupazionali nei confronti dei dipendenti della postproduzione coinvolti nell’affitto del ramo d’azienda alla multinazionale Deluxe, così come per quei lavoratori interessati alla cessione del ramo d’azienda alla società Panalight.

Non vi sono né vincitori né vinti, dunque, in questa battaglia estenuante dove alla fine i lavoratori hanno accettato alcune proposte dell’azienda mentre la società ha deciso di  non trasferire il reparto scenografia sulla pontina. Un passo indietro sulle posizioni troppo polemiche di entrambe le parti e un passo in avanti per arrivare nel mezzo, unico punto possibile in cui, in una situazione di grave crisi, si può trovare un labile momento di serenità nella speranza che duri a lungo e che la Rai, che ha deciso che le sue fiction verranno girate all’interno della storica struttura e non più delocalizzate per risparmio, con i suoi progetti rilanci gli Studios.

Nel comunicato della Sic Ggil si legge “Fondamentale è l’impegno assunto dal ministero dei Beni culturali che ritenendo l’attività cinematografica di Cinecittà e dell’intero settore, di importanza strategica per il rilancio del sistema paese, si adopererà per il mantenimento delle agevolazioni fiscali vigenti e la costituzione di gruppi di lavoro che, con la partecipazione di Regioni ed enti locali, definiscano una strategia di rilancio della produzione audiovisiva”. Per una volta, dopo una dura lotta fatta di scioperi sit in e scontri, il pubblico sembra stare dalla parte del lavoratore e della cultura.

About Sandra Martone 1239 Articoli
Fiera, sommessa, repentina e breve. Anima d'annata ma anche editor e talent scout.
Contact: Facebook