The walking dead: il mid-season finale

LA SERIE TV SUGLI ZOMBIE, RECORD DI ASCOLTI, TORNA DAL 10 FEBBRAIO

È andato in onda ieri sera in prime time sui canali della Fox, l’ultimo episodio della terza stagione della serie tv americana The Walking Dead in vista del break di qualche mese. Sull’onda del successo, il drama ispirato ai fumetti di Robert Kirkman è il più visto di sempre. Un azzardo azzeccato insomma, dato che queste creature mostruose potevano anche aver stancato il pubblico di telespettatori.

La puntata di ieri è stata seguita da 10.5 milioni di spettatori. Per comprendere l’enorme successo che sta riscuotendo, si pensi che il dato corrisponde al 50% di share in più rispetto alla precedente stagione! Per tornare a vedere i nostri superstiti combattere contro gli zombie, bisognerà aspettare il prossimo 10 febbraio a cui seguiranno altre 8 episodi per concludere anche questa terza serie.

Per chi si fosse perso l’episodio di ieri sera, Made to suffer, oltre che consigliarne la visione in replica, facciamo il punto della situazione in attesa del prossimo anno: Michonne riesce ad entrare nella fortezza del Governatore, uccide la figlia Penny quando si accorge che è uno zombie, e ferisce il Governatore ad un occhio. Rick nel frattempo, impegnato nel combattimento a Woodbury, crede di vedere Shane puntargli un fucile contro. Chiaramente un’allucinazione, di nuovo. Riesce però allo stesso a salvare Glenn e Maggie dalla morte, mettendoli in salvo. Nella prigione-casa intanto, il giovane Carl si accorge che sono entrati altri sopravvissuti. Accetteranno la loro presenza, ma rimarranno chiusi in una sezione del carcere in attesa che torni il padre a decidere.

Buone nuove in arrivo, o cattive notizie sempre in agguato? Dal 10 febbraio, lo sapremo con certezza.

About Valeria Vinzani 567 Articoli
"Il cinema non è solo un'esperienza linguistica ma, proprio in quanto ricerca linguistica, è un'esperienza filosofica".
Contact: Facebook