George clooney: “tutti pensano che sia gay. e chi se ne frega”

IL BELL’ATTORE SI CONFESSA E NON NASCONDE CHE QUALCHE RITOCCHINO L’HA FATTO, MA NON SUL VISO

A Hollywood è quasi impossibile trovare qualcuno che non abbia ceduto al richiamo del bisturi per nascondere qualche innato difetto o le imperfezioni dell’età. Anche il bel George Clooney ha ammesso di aver fatto qualcosa al suo corpo, ma non sul viso.

In un’intervista confessione al mensile Max il bel George infatti ha detto “non mi sono mai fatto sistemare gli occhi, ma ho speso parecchio per farmi stirare la pelle delle p…. Lì sì che non mi piacciono le rughe! È una tecnica nuova, a Hollywood la fanno tutti, si chiama ball ironing”.

Oltre a questo outing l’attore ha anche parlato della vita privata Michelle Pfeiffer e Nicole Kidman hanno scommesso 10mila dollari che mi sarei sposato prima dei 40 anni. Hanno perso e mi hanno spedito gli assegni. Glieli ho rimandati scommettendo il doppio che non avrei avuto figli prima dei 50″. E spiega qual è il suo antidoto: “Quando mi viene l’istinto paterno vado a trovare Brad e Angelina e mi ricordo il motivo per cui sto benissimo senza marmocchi”.

Ovviamente il discorso non poteva non sfiorare le voci sulla sua presunta omosessualità alle quali Goerge risponde con ironia e intelligenza: “tutti pensano che sia gay. E chi se ne frega! Non smentirò mai nessun pettegolezzo, perché non voglio che la gente possa credere che essere omosessuale sia una cosa negativa. La mia vita privata è solo mia, privata appunto”.

L’attore regista parla anche della sua seconda grande passione che viene dopo il cinema, la politica  “mi piace attirare l’attenzione sui problemi seri del mondo invece che parlare delle mie fidanzate”. Ma mette le mani avanti: “non potrei mai essere un politico, ho avuto troppe donne, ho fatto uso di troppe droghe e ho frequentato persone troppo promiscue. Il mio lavoro politico è parlare di quello che non funziona”.

In conclusione arriva il salto nel passato: “a 21 anni raccoglievo tabacco per 3 dollari l’ora. È stato mio cugino, l’attore Miguel Ferrer, a portarmi su un set per la prima volta. A Hollywood per mantenermi facevo l’autista per mia zia Rosemary Clooney e il clan delle sue amiche tra cui Helen O’Connell e la comica Martha
Raye”. Da lì, come ben sappiamo, la sua strada è stata lunga e non di certo priva di soddisfazioni. What else?

About Sandra Martone 1239 Articoli
Fiera, sommessa, repentina e breve. Anima d'annata ma anche editor e talent scout.
Contact: Facebook