Mariangela melato: addio alla versatile attrice

AVEVA 71 ANNI E SI È SPENTA A ROMA

È stata una delle attrici più versatili del nostro cinema e del nostro teatro, Mariangela Melato, che si è spenta oggi a Roma all’età di 71 anni in seguito a una malattia che la stava logorando da tempo.

La sua carriera è partita insieme a Fantasio Piccoli con il quale esordisce in Binario cieco di Terron, rappresentato al Teatro Stabile di Bolzano. In seguito matura la sua formazione artistica sotto la guida di registi come Dario Fo, Luchino Visconti e Luca Ronconi. Nel 1969 debutta nel cinema con un film di Pupi Avati, Thomas, e, due anni dopo, recita in «Per grazia ricevuta di Nino Manfredi. Nel 1972 ottiene un grande successo popolare con la sua interpretazione di Fiore, l’amante milanese di Giannini, in Mimì metallurgico ferito nell’ onore di Lina Wertmuller.

La sua essenza istrionica è stata il punto di forza di tutti i personaggi da lei interpretati. La Melato è stata infatti in grado di saper affrontare, sia in teatro che al cinema, ruoli non solo comici e grotteschi ma anche drammatici, come quelli che interpreta accanto a Gian Maria Volontè in La classe operaia va in paradiso (1971) e Todo modo (1976), entrambi di Elio Petri.

Il palcoscenico è stato il suo grande e vero amore rivestendo importanti ruoli specialmente negli anni 80’ la ricordiamo per essere stata dia Fedra che Medea che Madre coraggio. Non ha mai rinunciato comunque al cinema che negli anni 90’ le ha regalato importanti collaborazioni con Bertolucci , Monicelli e Giraldi.

Attrice, certo, ma la sua capacità di movimento sul palco nascondeva anche grandi doti di ballerina come dimostra sul palcoscenico del Sistina interpretando Belcore di Alleluja, brava gente.

Nel 2007 abbandona il teatro impegnato e si diverte sul palco di Sola me ne vo cantando come una vera rock star e citando, in un’intervista fatta in quel periodo, Madonna che interpreto il suo ruolo nell’imbarazzante remake di Travolti da un insolito destino nel mare d’agosto accanto al figlio di Giannini: “ora tocca a me – disse in all’epoca  la Melato – renderle la pariglia”.

Tra gli ultimi spettacoli che ha fatto è da annoverare la Filumena Marturano per la tv, al fianco di Massimo Ranieri.

Con la sua scomparsa il cinema ha di certo perso un talento ma è il palco di ogni teatro, da oggi, a essere un po’ più vuoto.

About Sandra Martone 1239 Articoli
Fiera, sommessa, repentina e breve. Anima d'annata ma anche editor e talent scout.
Contact: Facebook