I figli della mezzanotte: nelle sale italiane dal 28 marzo

DIVENTA UN FILM L’ADATTAMENTO DEL ROMANZO DI SALMAN RUSHDIE AMBIENTATO NELL’INDIA DEL 1947 

La regista Deepa Mehta e il pluripremiato autore Salman Rushdie realizzano un film epico, maestoso, magico. Un’improbabile storia d’amore dà vita a una saga familiare in cui personaggi straordinari e indimenticabili si intrecciano alla tumultuosa storia dell’India. Dopo il successo di Water, candidato all’Oscar come Miglior Film Straniero, la regista indiana dirige l’atteso adattamento de I Figli della Mezzanotte, una delle opere più amate e di maggior successo di Salman Rushdie che firma anche la sceneggiatura e figura come produttore esecutivo.

Pubblicato nel 1981, edito in Italia da Mondadori, è stato tradotto in decine di lingue e premiato con i maggiori riconoscimenti internazionali (Booker Prize, Book of the Booker, I 100 libri del secolo di Le Monde).  Il film, così come il romanzo, ci accompagna in un lungo viaggio che ripercorre, nell’arco temporale di sessant’anni, la storia di un’esistenza straordinaria legata indissolubilmente agli eventi storici che hanno portato l’India all’indipendenza dall’Impero britannico avvenuta nel 1947.

È il 15 agosto 1947, l’India proclama l’indipendenza dall’Impero britannico. “Fa’ che il ricco sia povero e il povero ricco”. E’ per un gesto di ribellione che, in un ospedale di Bombay, due neonati vengono scambiati da un’infermiera per permettere all’uno di vivere il destino dell’altro: Sinai, figlio di una donna povera, e Shiva, erede di un coppia benestante. Le loro vite si intrecceranno con quelle di tutti gli altri bambini nati nello stesso momento: sono i figli della mezzanotte e ognuno di loro possiede doti straordinarie. 

About Redazione Film4Life 1261 Articoli
Film 4 Life è una web magazine costituita da una redazione giovane e dinamica che si occupa di promozione, diffusione e comunicazione del cinema.
Contact: Facebook