Los angeles, Italia Film Fest 2013: honoring Giuliano Gemma

IL GRANDE ATTORE RACCONTA GLI ESORDI E INVOCA PIU’ CO-PRODUZIONI INTERNAZIONALI

Il filo robusto che unisce l’Italia all’America passa dal cinema fino ad arrivare alle maestranze del nostro paese, veri artisti dell’artigianato come dimostra il cappello di fattura toscana protagonista, sia della storia del cinema, che delle giornate evento a Los Angeles, nella settimana modaiola che dal Los Angeles Italia Film Fest porta dritto alla notte degli Oscar.

Nel lunch d’esposizione e incontro delle delegazione italiana con le autorità italiane locali, alcuni grandi interpreti del nostro cinema passato hanno avuto l’onore di confrontarsi sul festival in corso, sullo stato di salute (malata) delle nostre produzioni e sui loro esordi sul palcoscenico, emblema di un percorso che li ha portati fino nella città degli angeli, sia in veste di produttori, che di…mentori per le nuove generazioni.

Tre nomi su tutti, Franco Nero, Michele Placido e Giuliano Gemma. Proprio quest’ultimo celebrato anche dalla figlia Vera, che ne ha girato un documentario sulla vita professionale, onorando una carriera di respiro internazionale che ha portato l’attore romano (classe 1938) ad essere apprezzato nel mondo. Proprio su questo punto ha espresso un pensiero sul collega pugliese, rispondendo alle nostre domande:

“Mi piace Placido perché i suoi film sono intrisi di italianità, pur avendo un pensiero produttivo allargato”. Come dargli torto? Gemma ha poi proseguito nel suo racconto, ricordando come la sua carriera si sia naturalmente basato sul cappello a tesa larga da cowboy, “grazie ai western che ho girato”, ma anche sulla esportazione di un modello di recitazione tutto italiano, apprezzato e invidiato anche all’estero.

Una vita dedicata a questo concetto, che è anche il leit motiv dell’evento americano, in cui i nostri rappresentanti si cimentano nel diffondere il pensiero italiano applicato alla settima arte. Non sempre con successo, come dimostra la nostra assenza per la serata degli Academy’s, a cui partecipiamo da anni solo con categorie tecniche. Che siano i loro preziosi consigli a farci invertire la rotta? Abbiamo più che mai bisogno che prenda il sopravvento il nostro know-how artistico, persone e divi totali proprio come Gemma. 

E se Tarantino lo conferma, possiamo dormire sonni tranquilli. Con la colt sotto al cuscino. 

 

About Simone Bracci 274 Articoli
Alla ricerca estrema dell'originalità, quel talento nascosto che il cinema porta a galla con classe ed eleganza d'autore.
Contact: Website