Ettore scola torna a dirigere

L’APPREZZATO MAESTRO CAMPANO VUOLE REALIZZARE UN OMAGGIO A FELLINI 

Dalle sue ultime interviste, ce lo ricordavamo intento a ristudiare tomi della letteratura italiana e latina, per cercare di meglio capire i tempi bui che l’Italia sta tutt’ora passando. Era certo che non avrebbe messo mai più piede su un set, anche perché, a detta sua, i più grandi registi avevano fatto poche opere meritevoli da ‘anziani’ a cominciare da Chaplin. Ma ora sembra che Ettore Scola si sia deciso a rimboccarsi le maniche e a tornare alla regia. 

Il regista di capolavori come C’eravamo tanto amati e La terrazza ha infatti intenzione di dirigere un nuovo film che possa omaggiare la carriera di un altro maestro, Federico Fellini: il tutto è stato annunciato a poche ore da quando Scola è salito sul palco del teatro Perruzzelli di Bari per ritirare il premio per l’eccellenza cinematografica intitolato- non a caso- “Fellini”. Il film potrebbe essere scritto dallo stesso regista assieme alle figli Silvia e Paola e potrebbe intitolarsi Che strano chiamarsi Federico. Non sembra esserci persona più adatta per fare un film su uno dei registi italiani più apprezzati nel mondo: Scola conobbe Fellini all’età di quindici anni e dopo poco tempo i due si organizzarono per disegnare assieme delle tavolette satiriche, poi finite in esposizione nella sala Murat del teatro Petruzzelli per la mostra I disegni di Federico Fellini dal libro dei sogni curata dalla nipote del regista, Francesca Fabbri Fellini.

C’è da ricordare che Scola non gira dal 2003, anno di Gente di Roma, sincero, quanto sentito omaggio al popolo della capitale. Si spera che il buon Maestro anche a ottantadue anni possa mostrare ancora a cineasti più giovani di lui come si possa rendere grande il cinema italiano. Almeno ce lo auguriamo…

About  Gianlorenzo Lombardi 368 Articoli
Creativo e pieno di immaginazione (ma questo dovrebbero dirlo gli altri), scrive a tutto spiano in attesa del salto dietro la macchina da presa...
Contact: Facebook