Tom cruise protagonista in the man from u.n.c.l.e.?

DOPO ANNI DI ATTESA, THE MAN FROM U.N.C.L.E. RIPRENDE VITA DIRETTO DA GUY RITCHIE E SEMBRA CHE TOM CRUISE SIA PROSSIMO ALLA FIRMA DEL CONTRATTO

Chi non muore si rivede e mai frase più azzeccata per raccontarvi dello strano percorso ad ostacoli che la produzione del film The Man From U.N.C.L.E. , sta vivendo da due anni a questa parte. In principio, Steven Soderbergh doveva essere il regista, ma poi, per conflitti con gli executive della Warner Bros., ha abbandonato il progetto, facendo quasi spegnere ogni speranza. Poco dopo, nel 2011, è arrivata la notizia che Guy Ritchie fosse interessato a prendere il posto di Soderbergh, ma poi per qualche motivo, non se ne è più parlato. Oggi invece The Man From U.N.C.L.E. torna alla ribalta con l’ufficializzazione di Guy Ritchie al comando e con alcuni rumors quasi certi che Tom Cruise sembra interessato a partecipare. In una recente intervista sembra infatti che Cruise avrebbe rivelato il desiderio di interpretare Napoleon Solo, uno dei due protagonisti della storia. La firma del contratto sarebbe quindi quasi ovvia.

The Man from U.N.C.L.E. è basato sulla serie originale della NBC, andata in onda negli anni ’60, che vedeva Robert Vaughn nei panni di Napoleon Solo e David McCallum in quelli di Illya Kuryakin. I due sono agenti appartenenti all’United Network Command for Law Enforcement (U.N.C.L.E.), unità speciale impegnata a combattere i nemici della pace, in particolare le forze della T.H.R.U.S.H. (Technological Hierarchy for the Removal of Undesirables and the Subjugation of Humanity). Dalle parole dello sceneggiatore Scott Z. Burns: “Pensavo che sarebbe stato divertente guardare al passato e alla Guerra Fredda. Quando pensi agli anni ’60 in termini di auto e moda ed estetica devi essere capace a ricreare tutto con la tecnologia attuale. La storia originale è incentrata su un’organizzazione che non ha legami con un solo paese, ma si è fatta molti nemici. I due protagonisti sono uno americano, l’altro russo e lavorano insieme. Per l’epoca era un plot incredibile, estremamente moderno.”

Nell’attesa, presto vedrete Tom Cruise in due film: il fantascientifico Oblivion e l’action All You Need is Kill.

About Valentina Calabrese 326 Articoli
Critica e ufficio stampa free lance si autodefinisce "agonista del cinema".
Contact: Facebook