Games of thrones: che la terza stagione abbia inizio

DOVE ERAVAMO RIMASTI E COSA È ACCADUTO NELLA PRIMA PUNTATA DELLA TERZA STAGIONE INEDITA IN ITALIA

SPOILER!

La serie televisiva, fenomeno di culto del piccolo schermo tratta dai romanzi di George R.R. Martin Cronache del ghiaccio e del fuoco è tornata sulle televisioni statunitensi il 31 marzo. In Italia l’attesa durerà ancora un po’ di tempo, infatti le avventure di Games of thrones arriveranno su sky cinema 1 a partire dal 10 maggio prossimo.

Ma dove eravamo rimasti? E, soprattutto, cosa accadrà in questa terza stagione?

Nell’ultimo episodio della seconda stagione la battaglia delle acque nere è stata vinta dai Lannister ma nonostante questo niente tace: Lord Tywin è tornato ad Approdo del Re modificando gli equilibri di forza soprattutto a scapito del figlio Tyrion. Jamie è in viaggio con la soldatessa Brienne su ordine di Catelyn che rivuole indietro le sue figlie Sansa e Arya. Bran è in fuga dopo il saccheggio di Grande Inverno, così come sua sorella Arya che sta scappando da Harrenhal e Daenerys che si sta allontanando su una nave da Qarth dopo la terribile esperienza nella Casa degli Eterni. Jon Snow si sta per arruolare nell’esercito di Mance Rayder e smessi i panni del Guardiano della Notte si appresta a diventare un bruto. E sul finale gli Estranei sono tornati.

Nella prima puntata della terza stagione, decisamente lenta in quanto riprende le fila del “dove eravamo rimasti…” per ogni personaggio, partendo dall’incipit di Sam che, disperso nella neve, viene salvato da ghost e dal Lord Comandate Mormont e da quello che rimane dei guardiani della notte i quali, dopo aver capito che Sam non è riuscito a inviare i corvi per avvisare dell’attacco degli Estranei, hanno la priorità assoluta di tornare indietro alla barriera e avvisare Westeros del pericolo.

Da qui in poi vengono “ripresentati” tutti i personaggi principali nella season premiere di questa terza stagione che ha il titolo di Valar Dohaeris che in Alto Valiriano significa “tutti gli uomini devono servire” è la risposta a Morghulis Valar, titolo della season finale che letteralmente significa ” Tutti gli uomini devono morire”. In questa puntata, tanto dinamica quanto forse troppo dispersiva nella narrazione, non accade nulla di stupefacente o di nuovo anche se, esaminando titolo per titolo, le 10 puntate che questa  nuova season di Il trono di Spade regalerà al suo pubblico, possiamo dedurre tranquillamente che alla serie non mancheranno colpi di scena: la seconda puntata con il titolo Ali oscure, oscure parole in riferimenti ai corvi forieri di cattive notizie preannuncia che qualcosa di nuovo, e non buono, accadrà o sarà annunciato nell’episodio. La terza Walk of Punishment (La camminata della punizione) e la quarta And Now His Watch is Ended (E ora la sua guardia è conclusa) in riferimento alle prime parole del giuramento dei Guardiani della notte: “Cala la notte, e la mia guardia ha inizio. Non si concluderà fino alla mia morte” non preannuncia buone notizie sui pochi redivivi guardiani.

La quinta è dedicata ad Ygritte, la fanciulla dei Bruti soprannominata Baciata dal fuoco. La sesta è La scalata, la settima si rifà alla canzone L’orso e la fanciulla bionda e anche la nona si ispira ad un brano Le piogge di Castamere il cui testo ruota attorno ad un terribile episodio di sangue e vendetta…. L’ultima puntata, la decima, si intitola Mysha che è uno dei tanti nomi dati a Daenerys. Grande mistero aleggia intorno al titolo e alla trama dell’ottava puntata…

Il grande fenomeno culturale che è ormai diventato Il trono di spade, negli Stati Uniti principalmente ma anche in Italia, è dovuto soprattutto al grande lavoro che la Hbo ha fatto in questi mesi in cui la serie tv non è andata in onda: ogni giorno la rete ha dato dei piccoli appuntamenti ai fan della serie in cui faceva intuire cosa sarebbe potuto accadere alimentando la curiosità e rendendo così “indimenticabile” l’avvento della nuova season che sia dai social network che dai dati della rete risulta essere stata seguitissima.

La terza stagione è iniziata ma i Games of Thrones’ addicted non sono mai sazi di novità e già si vocifera e si pretende una quarta stagione che, ufficiosamente, non dovrebbe tardare a entrare in produzione.

About Sandra Martone 1239 Articoli
Fiera, sommessa, repentina e breve. Anima d'annata ma anche editor e talent scout.
Contact: Facebook