La violenza sulle donne approda alla Camera dei Deputati

LA PROIEZIONE DI “AL BUIO – INTO THE GLOOM” SARÀ SEGUITA DA UN DIBATTITO

Ultimamente, sempre più di frequente si sentono episodi di cronaca legati alla violenza domestica. Sempre più donne vengono picchiate in quelle che dovrebbero essere le mura confortanti di una casa, dai mariti/compagni gelosi, ubriachi e possessivi. Sempre meno, invece, sono i casi di denuncia degli aggressori. È proprio per questo che si sente il bisogno di parlarne tanto, per far prendere coscienza che chi abusa non ama ma va solo che condannato.

Di tale rilevanza e urgenza è il tema, tanto che è ‘addirittura’ arrivato in sede istituzionale. Mercoledì 8 Maggio infatti, il pluripremiato cortometraggio di Giacomo Arrigoni verrà proiettato alla Camera dei Deputati, all’interno del convegno intitolato Ti amo.. da morire. Luci ed ombre del femminile, organizzato dal Centro Psicologico Roma.

Il corto è interpretato da Francesca Faiella, Roberto Bocchi e Paolo Pitossi. Questa la trama: “Lara passa le sue giornate al buio prigioniera delle favole che si racconta per nascondere la sua realtà d’incubo: succube del marito e ostaggio delle sue violenze, è incapace di reagire e vive nell’attesa di essere liberata. Ma la violenza sulle donne non ha un lieto fine: per riprendersi la propria fiaba bisogna farsi forza e uscire dal buio”.

Speriamo dunque, visto anche l’incontro con il regista successivo alla proiezione e il relativo dibattito, che l’argomento venga preso seriamente in considerazione nell’ambito di futuri provvedimenti legislativi. L’elezione di Laura Boldrini come Presidente della Camera, tenuti in considerazione i suoi impegni umanitari e nel sociale a livello internazionale, fanno in questo senso ben sperare. Anche se, vista la situazione politica italiana post-elezioni dello scorso Febbraio, il momento è critico e scoraggiante.

 

About Valeria Vinzani 567 Articoli
"Il cinema non è solo un'esperienza linguistica ma, proprio in quanto ricerca linguistica, è un'esperienza filosofica".
Contact: Facebook