The avengers: resurrezione nello shield?

L’AGENTE COULSON POTREBBE TORNARE NELLO SPIN-OFF TELEVISIVO DEGLI AVENGERS 

La rete ABC non ha ancora ufficializzato per la prossima stagione la serie tv THE S.H.I.E.L.D, eppure sembra proprio che lo spin-off televisivo degli Avengers sia già da ora una delle produzioni più attese dai fan. Al timone come ben sappiamo ci sarà Joss Whedon e la vicenda avrà un respiro più ampio rispetto al grande successo cinematografico.

Da tempo si vocifera che il simpatico e caparbio agente Coulson, sarà uno dei volti principali dell’adattamento televisivo. Ma come sarà possibile se il personaggio è stato ucciso nel film della Marvel?

Tante sono le voci che si rincorrono in rete per dare una spiegazione a questa resurrezione; c’è chi afferma che il suo ritorno sarà merito della magia “asgardiana”, mentre altri affermano che sarà merito di un raggio gamma di Bruce Banner. Niente di tutto ciò, perchè una fonte interna alla produzione, rivela che nel pilot si scoprirà che Nick Fury (Samuel L. Jackson), ha finto la morte dell’Agente Coulson di proposito per motivare la squadra dei supereroi.

Alcuni membri dello S.H.I.E.L.D. ne erano a conoscenza ma gli Avengers non ne sapevano nulla, perchè il loro livello di autorizzazione non era alto abbastanza per essere informati. Coulson era stato quindi costretto a trattenere il respiro come messinscena, dopodichè, è arrivato Fury che l’ha portato in un posto segreto fino a quando le cose non si sono calmate, per poi reinserirlo nella squadra.

Tutta questa spiegazione sembra piuttosto bizzarra, perché questo non spiega come Coulson sia sopravvissuto all’attacco di Loki, e se il suo ritorno sia comunque collegato alla famigerata Fase 2 della Marvel. Domande quindi che, per ora, rimangono avvolte nel mistero. Dovremo aspettare gli upfronts per capire se la rete deciderà di confermare la serie per la prossima stagione e solo così potremo aspettare capire cosa ci attende in questa mastodontica produzione seriale. 

About Carlo Lanna 284 Articoli
Giovane ragazzo casertano, vive a pane, libri, cinema e serie tv fin dall'adolescenza. Testardo, timido ed estroverso, sogna di lavorare presso un ufficio stampa e di trasferirsi a Londra solo per poter far colazione tutte le mattine in quel pittoresco Starbuck del quartiere di Bayswater.