Cory Montheith: addio alla star di Glee

INTENSO E COMMOSSO IL CORDOGLIO DI AMICI E CONOSCENTI

A soli 31 Cory Monteith ci abbandona lasciando tutto il mondo letteralmente sbigottito. L’attore, cantante e batterista è diventato famoso grazie al musical drama della FOX, Glee, rinnovato lo scorso maggio per una quinta stagione.

Cory, già con svariati problemi di alcol alle spalle, lo scorso aprile si era ritirato dalla serie tv per entrare in un programma di riabilitazione, ma sembra proprio che il destino aveva in serbo per lui un’amara sorpresa. Stroncato da un overdose è stato trovato morto in una camera d’albergo di Vancouver, in Canada al 21esimo piano del Fairmont Pacific Rim Hotel dal personale, dopo che non ha liberato la stanza in cui alloggiava. Secondo il vice capo di polizia Doug Lepard niente indica che la sua sia stata una morte violenta. La polizia fa trapelare la sconcertante notizia che, in una manciata di minuti, si diffonde in tutto il web.

E’ un cordoglio amorevole e silenzioso quello che ha accompagnato la morte di Cory.Non solo i fan della serie tv si sono riuniti in un sommetto ed accorato dolore, ma anche molte stelle del cinema e della tv, tramite twitter hanno reso omaggio alla vita dell’attore. Poche invece sono le parole della fidanzata Lea Michele che, nonostante tutto, ha sempre appoggiato le scelte del compagno. Amici nella serie tv e quasi sposi nella vita reale, Cory e Lea, erano diventati la coppia di chiacchierata della tv. Ma l’amore della ragazza non è riuscito a tirare fuori dal tunnel dell’alcol e della droga il giovane e talentuoso attore. Ci uniamo anche noi nel cordoglio e speriamo che la produzione della serie tv, possa capire l’importanza di quanto accaduto, e dare il degno saluto al gigante dal cuore tenero.

About Carlo Lanna 284 Articoli
Giovane ragazzo casertano, vive a pane, libri, cinema e serie tv fin dall'adolescenza. Testardo, timido ed estroverso, sogna di lavorare presso un ufficio stampa e di trasferirsi a Londra solo per poter far colazione tutte le mattine in quel pittoresco Starbuck del quartiere di Bayswater.