Sole a catinelle: il ritorno di Checco Zalone

ATTESISSIMO IL RITORNO AL CINEMA DEL RE DELLA COMMEDIA ITALIANA DEGLI ANNI 10 (DEL DUEMILA)

Lo zio siamo nel tremila. Con questa battuta Checco Zalone ci riporta ad una contemporaneità vissuta “pericolosamente”, in cui solo l’ironia potrà salvarci da pensieri cupi e malessere da crisi. Quindi lo scorretto come forma di riflessioni sul sociale e non è cosa da poco.

Dopo l’ondata record del precedente film, Che bella giornata, Luca Medici ritorna al cinema, è il caso di dirlo, più scorretto che mai ci riprova e conta di alzare ancora l’asticella con la sua nuova pellicola dal titolo Sole a catinelle.

Set scelto, sempre e rigorosamente al NORD, stavolta è la città di Padova, che farà da sfondo ad una storia di stampa “zaloniano”, ovvero quella di un padre meridionale costretto a trasferirsi al Nord insieme al figlio per tentare la carriera d’imprenditore.

Checco ha dichiarato che stavolta ci saranno più gag cattive del solito. Gli crediamo? Sicuramente, dopo la sua apologesi sul terrorismo internazionale, ci possiamo aspettare di tutto. Riscaldate bene le mascelle per l’autunno, si prevedono rovesci di risate ignoranti.

About Simone Bracci 274 Articoli
Alla ricerca estrema dell'originalità, quel talento nascosto che il cinema porta a galla con classe ed eleganza d'autore.
Contact: Website